fbpx
Lifecoach

Come affrontare un colloquio via Skype

Scritto da Patrizia Saolini

Il colloquio via Skype è una soluzione che sta prendendo sempre più piede. Come affrontarlo al meglio? Ecco alcuni consigli e strategie per gestirlo in maniera positiva ed efficace.

Il colloquio via Skype è una soluzione che sta prendendo sempre più piede tra responsabili del personale nelle aziende, selezionatori e headhunter. La possibilità di incontrare i candidati in maniera virtuale è utile quando risiedono a grande distanza dalla sede dell’azienda (in un’altra città, in un altro stato o in un altro continente), così come in tutte quelle circostanze in cui non è possibile organizzare un colloquio di persona o per esigenze di tempo e di impegni.

Ma come affrontarlo? Noi di Junglam abbiamo chiesto a Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia, alcuni suggerimenti e strategie per gestirlo al meglio.

Come prepararsi al colloquio su Skype

La preparazione del colloquio è un passaggio fondamentale per affrontarlo in modo positivo ed efficace e va sempre pianificata ed eseguita con cura. Anche nel caso di un incontro via Skype, nel caso del quale vanno tenuti in considerazione alcuni apetti specifici.

Marina Osnaghi spiega che la prima cosa da fare è scegliere l’ambiente dove volete sostenere il colloquio. Il suo consiglio è di optare per una stanza ordinata e luminosa, in cui vi sentite sicuri e a vostro agio.

In seconda battuta, invita a creare una situazione controllata. In altre parole, esorta a eliminare ogni possibile elemento di disturbo, chiudendo porte e finestre, mettendo il telefono in modalità silenziosa e invitando eventuali familiari e coinquilini a non entrare. In questo senso, la Master Certified Coach consiglia di comunicare il vostro impegno alle persone con le quali condividete gli spazi, dando loro un orario in cui non potete essere disturbati.

Il passo successivo consiste nel predisporre il mezzo tecnico. Controllate di avere un nome e una foto profilo professionali e verificate che microfono, auricolari e webcam funzionino. In particolare, quest’ultima deve essere stabile e orientata in modo da ritrarvi a mezzo busto. Verificate anche la connessione e la carica del pc o dello smartphone (e la possibilità di collegarvi rapidamente alla corrente elettrica).

Marina Osnaghi osserva che un buon modo per evitare contrattempi consiste nel fare una prova. Chiedete aiuto a un amico per effettuare un check, in modo da verificare pure se conoscete e sapete utilizzare tutte le funzionalità di Skype. Nello specifico, la messa in stand-by della chiamata, la disattivazione del microfono, la condivisione dello schermo e l’invio e la ricezione di file. La prova con un amico è utile anche per verificare l’inquadratura, la luce e lo sfondo e il volume del microfono e degli auricolari.

Preparate al meglio la vostra postazione e l’ambiente per sostenere il colloquio via Skype.

Come fare il colloquio su Skype

Marina Osnaghi spiega che per il colloquio via Skype valgono le stesse regole di un colloquio di persona, con alcuni piccoli accorgimenti in più.

Salutate il vostro interlocutore in maniera chiara e con il sorriso (assolutamente, evitate di fare “ciao” con la mano!), state seduti in maniera composta e non gesticolate. In una videochiamata, viene naturale tenere gli occhi sullo schermo. Ma per avere un contatto visivo reale con chi c’è dall’altra parte e comunicare presenza e attenzione, il “trucco” consiste nel guardare la webcam. Tenere aperta la finestra con la vostra immagine può aiutarvi a controllare postura, gestualità e ambiente, ma fate attenzione a non indulgere troppo sul riquadro e a non distrarvi.

La Master Certified Coach osserva che, come in un colloquio di persona, anche in quello via Skype dovete lasciare parlare l’interlocutore senza interromperlo o sovrapporvi a quello che dice. E rispondere in maniera incisiva e articolata, esprimendovi in maniera chiara e con un tono di voce appropriato. Queste regole vanno osservate con particolare attenzione in una videochiamata, perché l’interazione non è immediata e anche nelle migliori condizioni ha degli inevitabili tempi di latenza.

Marina Osnaghi consiglia anche di avere a portata di mano una cartella con tutti i file e i documenti che possono esservi chiesti o servirvi durante il colloquio e di avere con voi un blocco e una penna per segnare eventuali appunti e note. Evitate di scrivere sulla tastiera del pc (e men che meno dello smartphone), perché disturba l’interlocutore. Tenete vicino alla postazione anche una bottiglia d’acqua e un bicchiere, da utilizzare solo in caso di reale necessità (in altre parole, non versatevi da bere ogni 5 minuti perché siete nervosi).

Come vestirsi per un colloquio su Skype

Come ci si veste per un colloquio su Skype? La tentazione di prestare attenzione solo alla parte superiore dell’outfit è forte, ma Marina Osnaghi spiega che il look va curato nella sua interezza.

La prima ragione è di ordine pratico. Come osserva la Master Certified Coach, non potete prevedere se durante il colloquio dovrete alzarvi o cambiare posizione. Farlo perfettamente vestiti non è un problema, ma se sotto giacca e camicia indossate la tuta… potreste trovarvi in difficoltà.

La seconda ma non meno importante riguarda l’approccio al colloquio e il modo di gestirlo. Vestirvi, pettinarvi ed eventualmente truccarvi come se doveste incontrare il selezionatore dal vivo ha un effetto positivo sulla vostra autostima e la fiducia in voi stessi.

In bocca al lupo!

Photo cover credits: Adobe Stock

Photo texte credits: Domenico Loia on Unsplash

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor, scrittrice e corrispondente estera di JunGlam.com, con alle spalle una carriera in aziende del lusso internazionale. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty, lifestyle e retail. Life coach professionista, con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur, é l'ideatrice di Retail Coach®, un marchio che garantisce consulenza strategica e corporate coaching alle aziende del lusso dedicate al servizio al cliente multicanale.

Lascia un commento