fbpx
Spettacolo

10 cose che non sapevi su Diavoli

Scritto da Patrizia Saolini

La finanza, i suoi intrighi e il volto meno conosciuto (e più pericoloso) del mondo dell’economia mondiale sono i protagonisti di Diavoli. Ecco10 curiosità sulla serie!

Il mondo della finanza è il protagonista di Diavoli, la serie prodotta da Lux Vide in collaborazione con Orange Studio per Sky Italia che è stata uno dei grandi eventi della primavera (in quarantena) 2020.

Gli ultimi due episodi sono andati in onda il 15 maggio e hanno lasciato i fan senza la loro dose settimanale di intrighi e colpi di scena. Ma la buona notizia è che ci sarà una seconda stagione. Anche se, al momento, non si sa quando arriverà in TV.

Nell’attesa e per (provare a) colmare il vuoto lasciato da Massimo Ruggero e Dominic Morgan, ecco 10 curiosità random sulla serie!

10 curiosità su Diavoli

1. Diavoli è basata sull’omonimo romanzo d’esordio del dirigente d’azienda e scrittore Guido Maria Brera. Il libro ha riferimenti in parte autobiografici.

2. La serie è stata distribuita da NBCUniversal Global Distribution in 160 paesi in tutto il mondo, tra cui Russia, America Latina e Caraibi, India, Africa, Sud-Est asiatico, Danimarca, Svezia, Regno Unito, Germania, Austria e Svizzera.

3. Diavoli è il primo ruolo in una produzione internazionale per Alessandro Borghi, che in Italia si è fatto conoscere con diverse intense interpretazioni, come quelle in Non essere cattivo, Suburra, Sulla mia pelle (con cui ha vinto il David di Donatello) e Il primo re.

4. Nel libro, Dominic Morgan, il potente e spietato uomo d’affari interpretato da Patrick Dempsey, si chiama Derek Morgan. Ma nella serie, Guido Maria Brera ha deciso di cambiargli nome, dal momento che era anche quello del personaggio di Dempsey in Grey’s Anatomy, Derek Shepherd (aka “Dottor Stranamore”).

5. Diavoli è stata girata in inglese e gli attori sono stati doppiati. Ma Alessandro Borghi non ha (ri)dato la voce a se stesso nella versione italiana e il suo personaggio parla con il timbro di Andrea Mete. L’attore ha spiegato su Instagram (nel post che trovate qui sotto) che la sua decisione è stata dettata dalla volontà di dare il giusto riconoscimento e valore sia il lavoro degli attori che a quello dei doppiatori.

View this post on Instagram

Questo è il primo teaser di DEVILS, ed è in inglese. È in inglese per la grande emozione che provo nel ricordare la paura che avevo di non farcela e di non essere all'altezza, dal primo incontro con Nick al primo abbraccio con @patrickdempsey (I'm talking about the first time we met, my friend), con Guido e Jan, i miei amici meravigliosi, che erano lì, pronti a difendermi da qualunque cosa. Questo per dirvi che la mia voce italiana, nei DIAVOLI, non sarà la mia. Già, ho deciso alla fine di non volermi doppiare. Perché? Direte voi. Ci sono un po' di pensieri dietro, ma provo a condividere con voi quelle che sono secondo me le ragioni principali. 1- Mi piacerebbe sapervi tutti davanti alla tv a selezionare la modalità "lingua originale con sottotitoli", quello che farei io, per poter apprezzare davvero, o magari no, il lavoro che è stato fatto in questa serie, fatta di parole chiave, sfumature, cose piccole, finanza sì, ma soprattutto tanto cuore, tutto fortemente connesso alla lingua in cui è stata girata. 2- Non sono un doppiatore, c'è chi questo lavoro lo fa in maniera eccellente, molto meglio di come avrei potuto fare io, come il mio amico Andrea Mete, soprattutto in un contesto dove tutti gli attori, essendo stranieri, sarebbero stati doppiati da chi questo mestiere lo fa sul serio. Avrei sentito la differenza, e l'avreste sentita anche voi. Quindi, potete scegliere, se fare un piccolo sforzo e ascoltare la mia voce, o vederla in italiano e godervi comunque un grandissimo lavoro. Tra poco DEVILS sarà vostra. Sono emozionato e fiero di aver avuto la possibilità di far parte di un gruppo come questo, per una storia come questa. Grazie @skyatlanticit e @luxvide E grazie a tante altre persone che mi sono state accanto in questi lunghi mesi. Grazie per la fiducia, il rispetto e la gentilezza. Esco da questa storia con tanti amici in più. Sono tanto felice. GET READY, THE DEVILS ARE COMING .

A post shared by Alessandro Borghi (@alessandro.borghi) on

6. I primi 5 episodi della serie sono stati diretti dal regista britannico Nick Hurran. Il filmmaker ha una grande esperienza a livello internazionale e annovera nel suo curriculum veri e propri capisaldi del piccolo schermo, come Doctor Who, Sherlock e Altered Carbon.

7. Nick Hurran ha condiviso la direzione di Diavoli con Jan Maria Michelini, uno dei nomi più promettenti del panorama italiano. Dopo diverse collaborazioni di rilievo, come quelle con Ron Howard in Angeli e Demoni e Mel Gibson in La passione di Cristo, il regista si è affermato con le serie I Medici, Don Matteo, Un passo dal cielo, DOC – Nelle tue mani. Michelini è sposato dal 2017 con la ex Miss Italia Giusy Buscemi.

8. Il responsabile delle serie originali Ske, Nils Hartmann, ha anticipato che la seconda stagione di Diavoli prenderà le mosse dall’inizio della crisi economica in Grecia nel 2009 e parlerà anche della Brexit e della pandemia di Covid-19.

9. Diavoli è stata girata tra Londra e Milano.

10. Dopo la prima mondiale all’evento per addetti ai lavori MIPCOM di ottobre 2019, Diavoli è stata lanciata in Italia il 15 aprile 2020. La presentazione è stata fatta da remoto e in modalità virtuale, a causa dell’emergenza coronavirus.

Fonti: IMDb, Deadline, tg24.sky.it

Photo cover credits: Sky

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Life coach professionista, con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur, é l'ideatrice di Retail Coach®, un marchio che garantisce consulenza strategica e corporate coaching alle aziende multicanali. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.

Lascia un commento