fbpx
Mamme

I libri da leggere con i bambini a casa

Scritto da Irene Lodi Rizzini

Oltre ai classici, qualche titolo da proporre ai bambini per leggere insieme o da soli.

La lettura è una fonte di stimoli preziosa nello sviluppo del linguaggio e dell’immaginazione, uno strumento importantissimo per la crescita e per l’allenamento delle capacità di attenzione e concentrazione ad ogni età.

Non tutti i bambini però amano leggere; per invogliarli a immergersi nel mondo dei libri proponiamo alcuni titoli adatti ai più piccoli e ai grandi, da leggere ad alta voce oppure da soli per trascorrere il tempo a casa in alternativa a giochi e film da guardare.

Libri per i piccoli

Il libro può essere un oggetto affascinante fin dai primissimi mesi di vita del bambino, quando vista, udito e tatto iniziano a svilupparsi e a cercare stimoli interessanti.

Libri per la culla e per bebè

Da 0 a 2 anni i libri sono un gioco utile a stimolare il tatto e la vista in quelle fasi di crescita particolarmente favorevoli per lo sviluppo dei sensi. Si parte dai libri per la culla, ovvero libretti tattili indicati per i neonati, che privilegiano materiali morbidi come la stoffa, linee geometriche e forme ben marcate, spesso in bianco e nero per favorire i contrasti (qui alcuni esempi); si arriva poi ai libretti cartonati di filastrocche e ninna nanne, libri sonori, libri tattili… Ecco qualche esempio:

Libri per bimbi in età da asilo

Dai 3 ai 5 anni il libro continua a essere un gioco a cui il bimbo si può avvicinare anche autonomamente: libri con i buchi per fare giochi con le mani, libri sagomati e libri di parole.

Un capitolo a parte lo vogliamo dedicare ai quiet book Montessori. Si tratta di libri privi di parole (per questo possono essere chiamati anche “silent book”) realizzati in stoffa e altri materiali come feltro, perline, gomma crepla per favorire l’esplorazione tattile e la motricità fine della mano. Sono dei veri giochi interattivi dove all’interno si possono trovare stringhe da allacciare, cerniere da aprire e chiudere, tasche da esplorare, mollette, velcro e molto altro.

In commercio ne esistono molti (qui un esempio), anche se i più belli sono realizzati a mano, come quelli di “MaMa’s Baby” e “Tom Toy” o come gli edu-pad di “Fatto io di Silvia Nori”, dei pannelli educativi tascabili per imparare la matematica e l’alfabeto.

Libri per bambini che crescono

Con l’inizio della scuola primaria emergono ancora di più le passioni e le curiosità dei bambini e la lettura ad alta voce cede il passo a una lettura autonoma.

Libri per bimbi che cominciano a leggere da soli

Dai 6 anni ai 10 anni si possono proporre alcuni grandi classici come Pinocchio, Peter Pan, Il piccolo principe, L’isola del tesoro, Il meraviglioso Mago di Oz, La fabbrica di cioccolato, Le avventure di Tom Sawyer, Pippi Calzelunghe, Il giornalino di Gianburrasca…

Si può scegliere poi di puntare su ambiti specifici come la storia, la geografia, le scoperte scientifiche, o semplicemente proporre delle belle storie come fonte altrettanto valida di insegnamento. Ecco qualche idea tra i titoli più recenti:

Libri per ragazzi

Dai 10 ai 14 anni i ragazzi attraversano un periodo di crescita carico di domande, sogni ed emozioni; è l’età per le grandi avventure e le grandi storie che li possono guidare e ispirare lungo il loro cammino. Al bisogno di evasione si può rispondere con le grandi saghe fantastiche come Il signore degli anelli, Le cronache di Narnia, Harry Potter, mentre per misurarsi con le sfide della loro vita quotidiana che li chiama a diventare grandi si può puntare su storie che incoraggiano ad essere se stessi, a formare un giudizio personale, a continuare a cercare…

Sull'Autore

Irene Lodi Rizzini

Coordinatrice della redazione di Junglam, esperta di moda e laureata in letteratura, collabora con Junglam fin dagli esordi, proseguendo l’esperienza di editing e coordinamento in redazione maturata in molteplici anni di lavoro sul web.

Lascia un commento