fbpx
Lifecoach

Cosa significa essere antifragili

Scritto da Patrizia Saolini

Nel 2012, il filosofo e matematico Nassim Nicholas Taleb ha formulato e descritto il “principio di antifragilità”. Secondo la definizione, questo concetto indica la capacità non solo di trarre beneficio dagli shock, ma di prosperare e crescere in condizioni di caos e stress.

Un concetto che è diventato molto popolare negli ultimi anni (fino a essere abusato) è quello di resilienza, ovvero la capacità di reagire alle avversità in maniera positiva e costruttiva. Questa nozione è stata approfondita e sviluppata in molti modi, ma ab origine appartiene al campo della fisica e indica la capacità di una sistema di adattarsi a un cambiamento.

Dunque, la resilienza è una risposta a un evento che modifica lo status quo e nella sua definizione primaria non implica un’evoluzione o un miglioramento. In altre parole, è una competenza che permette di “sopravvivere” all’incerto e all’imprevedibile, ma che non fornisce i mezzi per utilizzare il caso e il caos per crescere e migliorare.

Ma davvero è possibile “addomesticare” l’indefinito e il mutevole dell’esistenza e trarne vantaggio? Ebbene, sì. Questo approccio prende il nome di principio di antifragilità ed è stato formulato e descritto dal filosofo, saggista, matematico e accademico libanese naturalizzato statunitense Nassim Nicholas Taleb nel libro Antifragile. Prosperare nel disordine (2012).

Antifragile. Prosperare nel disordine

Nassim Nicholas Taleb Amazon Acquista ora

Cos’è l’antifragilità

Per comprendere il principio di antifragilità, è necessario partire dalle definizioni di fragilità e robustezza. In linea generale, una cosa fragile tende a rovinarsi, a cedere, lesionarsi o rompersi con facilità. Dunque, è estremamente suscettibile a ogni variazione e deve essere protetta da pericoli e cambiamenti per essere preservata. Invece, una cosa robusta riesce a resistere alle avversità riportando danni più o meno ingenti, ma non trae vantaggio dagli urti (reali e figurati) che subisce. Dunque, anch’essa andrebbe protetta per non essere rovinata. Di conseguenza, la robustezza non è il perfetto opposto della fragilità. E allora, cos’è?

Nassim Nicholas Taleb ha definito questa proprietà per antitesi, coniando il concetto di antifragilità:

Alcune cose traggono beneficio dagli shock, prosperano e crescono quando sono esposte a mutevolezza, casualità, disordine e fattori di stress e amano l’avventura, il rischio e l’incertezza. Ciò nonostante, a dispetto dell’onnipresenza del fenomeno, non disponiamo di un termine che indichi l’esatto opposto della fragilità. Per questo parleremo di antifragilità.

Come spiega il filosofo e matematico, l’antifragilità supera il concetto di robustezza e anche quello di resilienza, perché implica un cambiamento e una evoluzione positiva:

Una cosa resiliente resiste agli shock ma rimane la stessa di prima: l’antifragile dà luogo a una cosa migliore. 

Taleb osserva che questa qualità è propria di tutto ciò che cambia nel tempo, dall’evoluzione alla cultura, dai sistemi politici all’innovazione tecnologica, “fino a includere l’esistenza stessa della specie umana su questo pianeta”:

L’antifragilità stabilisce il confine tra ciò che è vivente e organico (o complesso), come il corpo umano, e ciò che è inerte, per esempio un oggetto fisico come la spillatrice sulla vostra scrivania.

Dunque, l’antifragilità non è solo un vantaggio, una “utilità”, per affrontare il caso e il caos che sono parte integrante dell’esistenza e trarne vantaggio, ma è anche un elemento costitutivo della natura umana. E allora, in che modo è possibile (ri)trovarla dentro di sé e svilupparla?

Come essere antifragile

Nassim Nicholas Taleb descrive l’essere antifragile con un paragone tanto semplice, quanto efficace:

Il vento può spegnere la candela e ravvivare il falò. Lo stesso avviene con la casualità, l’incertezza e il caos: bisogna imparare a farne uso, anziché tenersene alla larga. Dobbiamo imparare a essere fuoco e a sperare che si alzi il vento.

In altre parole, il filosofo e matematico dice che l’essenza della condizione di antifragilità consiste nell’accettare l’ignoto e il disordine e nell’abbracciare il cambiamento. Questo significa liberarsi delle sovrastrutture, non rincorrere un impossibile ideale di controllo e perfezione e non cercare di evitare i problemi e le sfide, ma affrontarli. Perché sono proprio le difficoltà e i risultati incerti che portano a crescere e a migliorare:

Il modo migliore per verificare di essere vivi è controllare se amate i cambiamenti.

Di fatto, Taleb esorta a uscire dalla comfort zone, in modo particolare quando rappresenta un compromesso dettato da credenze negative e pensieri depotenzianti, che generano paura irrazionale del futuro e mancanza di fiducia in sé e nei propri mezzi e impediscono di vivere una vita piena e felice.

In tal senso, il filosofo e matematico invita a considerare eventuali passi falsi o sconfitte come opportunità di evoluzione e potenziamento. Ma anche a procedere in maniera graduale, partendo da prove e un carico di stress che si ha la forza di gestire e “allenandosi” per affrontare sfide sempre più grandi e complesse.

Photo cover credits: Adobe Stock

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Giornalista, Chief Happiness Officer e Life Coach con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur. É autrice di quattro libri sul retail coaching e l'ideatrice del marchio Retail Coach®. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.

Lascia un commento