fbpx
Lifestyle

Miami Art Week 2020: tutto su fiere, mostre ed eventi

Scritto da Patrizia Saolini

La Miami Art Week ha risposto all’emergenza sanitaria della pandemia con una formula che ha ridefinito fiere, mostre ed eventi, mescolando appuntamenti virtuali e in presenza.

La pandemia ha cambiato profondamente la quotidianità e anche i grandi eventi hanno dovuto adattarsi alle regole imposte dall’emergenza sanitaria. La Miami Art Week 2020 rientra nel novero delle manifestazioni che hanno avuto la necessità di percorrere strade diverse dal solito e ha saputo trovare una formula vincente con un mix di appuntamenti virtuali e in presenza.

La grande fiera diffusa che si svolge ogni anno in Florida ha stretto un legame ancora più forte con la speciale edizione 2020 di Art Basel, OVR: Miami Beach 2020, e ha proposto un programma ricchissimo e ad alto tasso di tecnologia e glamour.

UNTITLED, ART Miami Beach OVR 2020

Non solo UNTITLED non ha mancato l’appuntamento del 2020, ma si è adattata alla “nuova normalità” della pandemia con un’edizione che ha registrato più di 40mila visitatori da 100 paesi diversi, nel periodo di “apertura virtuale” dal 2 al 6 dicembre.

Come Art Basel, anche la fiera lanciata nel 2012 ha scelto la soluzione delle Online Viewing Rooms (OVR) e ha dato ad appassionati e addetti ai lavori la possibilità di scoprire online, senza muoversi dalla loro residenza o dal loro ufficio, gli artisti e le opere di 59 gallerie provenienti da più di 30 città sparse in 18 paesi di tutto il mondo.

UNTITLED, ART ha permesso ai visitatori di vivere un’esperienza immersiva, grazie ad ambienti ad alta definizione incredibilmente realistici e alla possibilità di lasciare la firma e un commento nel libro virtuale dei vari espositori, oltre che di interagire direttamente con le gallerie.

Il fondatore di UNTITLED, ART, Jeff Lawson, ha dichiarato di essere orgoglioso di avere potuto “offrire un mercato agli espositori e ai collezionisti di tutto il mondo attraverso la tecnologia all’avanguardia delle OVR”. E pur augurandosi di poter tornare presto in presenza, si è detto convinto che la soluzione adottata per l’edizione 2020 aprirà la strada a un nuovo modello espositivo ibrido.

Oltre allo spazio virtuale dedicato alle gallerie, UNTITLED, ART Miami Beach OVR 2020 ha offerto anche una intensa occasione di incontro, scambio e conoscenza con il panel di discussione Contemporary Artists from the Caribbean, organizzato dal suo direttore artistico e curatore Omar López-Chahoud, e ha portato avanti una stretta collaborazione con numerose istituzioni locali, tra cui The Bass, PAMM e ICA Miami.

Rodney Mcmillian – Galleria Vielmetter Los Angeles. Photo credits: UNTITLED, ART Miami Beach OVR 2020

Scope 2020 Immersive Miami Beach | Part 2

Dopo avere “scaldato i motori” con Immersive Miami Beach | Part 1 dal 17 al 27 settembre 2020, Scope è tornato per il tradizionale appuntamento di dicembre (dall’1 al 6) con Immersive Miami Beach | Part 2.

La celebre fiera ha ospitato 34 espositori provenienti da ogni parte del mondo e li ha resi accessibili a una platea internazionale di appassionati e addetti ai lavori attraverso la tecnologia delle Online Viewing Rooms (OVR). I collezionisti hanno avuto l’occasione di esplorare le diverse gallerie immergendosi in un ambiente tridimensionale di grande effetto e hanno potuto ammirare, valutare e acquistare le opere d’arte in esposizione “come dal vivo”.

La fiera virtuale ha portato all’attenzione dei visitatori la mostra The New Contemporary, “un genere che rappresenta un contributo critico sia alla politica globale che all’impegno della comunità locale”, e ha altresì ospitato numerosi eventi, tra cui talk, presentazioni, performance musicali, highlight su diversi artisti e attività dedicate al benessere.

Light Mosaic. Photo credits: Miami Art Society Gallery

Design Miami 2020

Design Miami, il forum globale per il design, che riunisce i più influenti collezionisti, galleristi, designer, curatori e critici del settore, si è svolto in presenza (con possibilità di accesso virtuale) dal 27 novembre al 6 dicembre 2020 presso il Moore Building.

La mostra ospitata negli spazi dello storico edificio ha raccolto oltre 139 pregevoli pezzi di genere storico e contemporaneo (57 dei quali sono andati a comporre la nuova sezione, Podium) ed è stata accompagnata da installazioni collocate in altre location nel quartiere, oltre che da conferenze e incontri che hanno visto la partecipazione di personalità di primo piano del mondo del design, dell’architettura, dell’arte e della moda.

Art Miami e Context Art Miami 2020

Due appuntamenti tradizionali della Miami Art Week, Art Miami e Context Miami, hanno scelto di rispondere alle mutate condizioni imposte dalla pandemia organizzando le rispettive edizioni 2020 completamente online.

Le fiere mercato dedicate alle belle arti hanno inaugurato il 2 dicembre e terranno le loro porte “virtuali” aperte fino al 20, dando l’occasione ai collezionisti e a tutti gli appassionati di scoprire le opere proposte da oltre 150 gallerie provenienti da ogni parte del mondo.

Nada Art Fair 2020

Come altre fiere ed eventi della Miami Art Week, anche Nada Art Fair ha deciso per il 2020 di realizzare un’edizione online e ha trasformato quella che poteva essere una “restrizione” in un’occasione unica per presentare una selezione internazionale di 99 gallerie di 44 città in ogni parte del mondo. 47 degli espositori erano membri della rete Nada, mentre 27 erano al debutto, ma tutti hanno offerto ad appassionati e addetti ai lavori una selezione di opere di altissimo livello e di grande impatto.

Dall’1 al 5 dicembre 2020, la grande fiera virtuale ha portato nelle sue OVR gallerie di New York e Los Angeles, mostre collettive da Tokyo, Varsavia e Riga, conversazioni con i curatori e gli artisti e una emozionante selezione di performance dal vivo.

The Bass Museum of Art

Il Bass Museum ha mentenuto le porte aperte durante la pandemia e ha accompagnato la speciale edizione della Miami Art Week 2020 con la mostra all’aperto Art Outside.

L’esposizione è un percorso artistico diffuso, che si snoda dal Collins Park attraverso siti e location per tutta la città di Miami e comprende opere temporaee e permanenti di Ugo Rondinone, Jim Drain, Sylvie Fleury, Lawrence Weiner e Susan Philipsz appartenenti alla collezione di The Bass Museum, pièce temporanee di Abraham Cruzvillegas e degli artisti locali Glexis Novoa e Karen Rifas, l’installazione Work From Home e opere delle collezioni di City of Miami Beach – Art in Public Places, Miami Beach Urban Studios FIU, The Wolfsonian Florida International University e W South Beach.

Ugo Rondinone, Miami Mountain
L’installazione Miami Mountain di Ugo Rondinone. Photo by Zachary Balber

Institute of Contemporary Art Miami (ICA Miami)

Durante la Miami Art Week, l’Institute of Contemporary Art Miami (ICA Miami) ha prolungato gli orari di apertura e ha offerto al pubblico un ricco programma di mostre ed eventi.

Delle prime fa parte l’esposizione Allan McCollum: Since 1969 (in calendario fino al 17 gennaio 2021). La mostra è la prima retrospettiva dedicata all’omonimo artista americano da un museo degli Stati Uniti ed esplora la produzione di McCollum nel corso di oltre 5 decenni. Invece, tra i secondi rientrano la conferenza pubblica gratuita di Nora N. Khan – critico d’arte, studioso dei media e docente della Rhode Island School of Design – e la conversazione con gli artisti Lyle Ashton Harris e Gean Moreno, organizzata in collaborazione con Art Basel Miami 2020.

Faena Art

Dal 29 novembre al 6 dicembre 2020, la galleria Faena Art ha ospitato l’installazione Dreaming with Lions di Alexandre Arrechea.

Collocata sulla spiaggia di fronte al Faena Hotel, l’opera è ispirata a Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway ed è un monolite composto da due archi che celebrano la resilienza dello spirito umano.

Museum of Contemporary Art North Miami (MOCA)

In occasione della Miami Art Week 2020, il Museum of Contemporary Art North Miami (MOCA) ha ospitato dal 29 novembre al 6 dicembre la mostra Life and Spirituality in Haitian Art.

L’esposizione comprende opere realizzate tra il 1940 e il 1970 da Hector Hyppolite, Philomé Obin, Rígaud Benoit e Wilson Bigaud e rivela come questi artisti sono stati influenzati dal simbolismo e dalla spiritualità afro-caraibica e dalla cultura e dal penseiro europeo per realizzare una produzione unica nel suo genere.

The Adventures of Zoooom with Friends di Louis Vuitton

Tra le installazioni fisiche della Miami Art Week 2020 c’è anche quella realizzata dal direttore artistico di Louis Vuitton per la linea uomo, Virgil Abloh, intitolata The Adventures of Zoooom with Friend.

Il concept, che ha inaugurato il 4 dicembre, resterà aperto fino al 25 gennaio 2021 e durante questo tempo ospiterà il lancio dell’esclusiva LV x NBA Collection e della seconda LV2054 Capsule Collection.

Photo cover credits: UNTITLED, ART Miami Beach OVR 2020

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Life coach professionista, con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur, é l'ideatrice di Retail Coach®, un marchio che garantisce consulenza strategica e corporate coaching alle aziende multicanali. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.

Lascia un commento