fbpx
Lifestyle

I giochi da fare in auto con i bambini

Giochi da fare coi bambini
Scritto da Serena Serra

Lunghi o brevi, i viaggi in auto con i bimbi possono diventare una tortura. Per far passare più velocemente il tempo, ecco tanti giochi da fare in auto con i bambini!

Le vacanze, sospirate per tutto l’anno, presuppongono però quello che per tanti genitori e bambini può diventare un vero incubo: il viaggio in macchina. Che il tragitto sia breve o lungo, che nostro figlio sia più o meno tranquillo, per un bimbo anche solo un’ora di viaggio può sembrare un tempo interminabile. Per evitare i continui “siamo arrivati?” e se non vogliamo ricorrere a tablet e cellulari, ecco alcuni giochi da fare in auto con i bambini.

Giochi con le canzoni

Adatti per bambini di tutte le età, e coinvolgenti anche per i genitori, i giochi in auto per bambini con la musica aiutano a far passare rapidamente il tempo, divertendo e stimolando i piccoli. Un gioco molto semplice è quello che prevede di indovinare le canzoni: l’adulto non alla guida sceglie una canzone conosciuta a tutti e ne fa ascoltare solo l’inizio. Chi la indovina per primo vince.

Una variante ancora più semplice non prevede neanche l’uso di supporti musicali: a turno ognuno dei passeggeri canticchia una canzone e anche in questo caso vince chi indovina per primo la canzone. E per i più “audaci” il passo successivo sarà quello di fischiettare la canzone!

Giochi di memoria

Per stimolare la fantasia, la creatività e la memoria dei bambini, è possibile recuperare i vecchi giochi che noi stessi facevamo con i nostri genitori. Ecco quali giochi si possono fare in auto con bambini.

Il classico dei classici è il famosissimo gioco del bastimento, che può essere declinato in due versioni, una per i bambini in età scolare e una per i bambini più piccoli. Per questi ultimi la frase di partenza sarà “è arrivato un bastimento carico carico di animali che…” e si mima il verso oppure si dice l’azione (abbaiano, miagolano, fanno “roar” ecc.). La versione per i bambini più grandicelli, invece, prevede che dopo la frase introduttiva si dicano le lettere iniziali e finali (per esempio E e I per “elefanti”, G ed E per “giraffe” e così via).

Un altro gioco è quello del chi vede per primo: una macchina rossa, un ponte, una mucca, a seconda del paesaggio che si sta attraversando. Un gioco adatto ai bambini della scuola primaria è quello dei numeri delle targhe: vince chi somma più velocemente le cifre della targa della macchina davanti alla propria e serve per far esercitare i bambini nel calcolo rapido.

Un altro gioco da fare sfruttando la targa del veicolo che precede consiste nell’utilizzare le lettere per comporre delle parole.

Giochi con le parole

Con le parole si possono fare moltissimi giochi in macchina per far passare più velocemente il tempo durante un viaggio. Un esempio potrebbe essere il gioco dei contrari: l’adulto non alla guida dice nomi o aggettivi e vince chi indovina per primo il contrario. Oppure il gioco del no e del sì: a turno si fa una domanda a ciascun passeggero cercando di farlo rispondere con “sì” oppure “no”. Chi cade nel tranello farà le domande per il turno successivo.

Sempre con le parole si può fare il gioco delle rime: si inizia dicendo una parola e ognuno, a turno, dirà una parola in rima (cuscino-comodino…). Infine la catena di parole: si sceglie una parola da cui iniziare e ogni partecipante troverà una parola che inizia con la stessa sillaba con la quale finisce la precedente (canenero – rosso).

Sull'Autore

Serena Serra

Laureata in editoria e giornalismo ed esperta di comunicazione e brand management, si dedica alla creazione di contenuti per portali e siti web. Per Junglam.com è redattrice moda, beauty e lifestyle.

Lascia un commento