Lifestyle

Come si usa con successo Tinder: la guida pratica

Come si usa con successo Tinder
Scritto da Redazione

Se sei in cerca dell’amore o vuoi divertirti e conoscere persone nuove, Tinder è quello che fa per te! Scopri come funziona la celebre app di dating e non perderti la nostra guida pratica con i trucchi e le strategie per farti notare ed essere scelta.

Sei stanca delle solite facce? Vuoi divertirti senza impegno? Sogni il principe azzurro ? La risposta è una sola (proprio così): Tinder. L’app di dating lanciata nel 2012 ti permette di entrare in contatto con persone che come te hanno voglia di fare nuovi incontri e mettersi in gioco. Scopri qui come funziona e i piccoli e grandi trucchi della nostra guida pratica per farti notare ed essere scelta!

Come funziona Tinder

Per buttarti nel mondo del digital flirting, la prima cosa che devi fare è scaricare Tinder sul tuo smartphone. L’app è disponibile per dispositivi iOS e Android e installarla è semplice e veloce. Per accedere a Tinder devi avere un account Facebook, ma puoi stare tranquilla: sulla tua bacheca non comparirà (mai) nulla. L’app utilizza il social di Mr. Zuckerberg per impostare nome, età, foto profilo e per segnalarti eventuali amici in comune con le persone in chat.

Una volta registrata (eventualmente, anche usando il numero di cellulare), puoi effettuare il primo accesso. Tinder ti chiederà se vuoi attivare la localizzazione (che serve a ottimizzare la ricerca di eventuali profili compatibili in base alla tua posizione) e poi ti mostrerà un elenco di potenziali “match” e una serie di simboli.

Il primo da sinistra è una freccia gialla, che serve per annullare l’ultima azione. Il secondo è una “X” rossa e va utilizzato per scartare gli utenti che non reputi interessanti. Il terzo è una saetta viola ed è un’opzione che per 30 minuti fa salire il tuo profilo in cima alla lista degli utenti che si trovano nel tuo raggio d’azione, dandoti la possibilità di molti più “match”. Ma attenzione: il “boost” è a pagamento e per utilizzarlo devi acquistarlo di volta in volta oppure in pacchetti da 5 o 10.

Dopo la saetta viola, trovi un cuore verde, che serve a mostrare il tuo apprezzamento per un dato profilo (il classico “like”, insomma). Infine, in ultima posizione c’è una stella azzurra, che equivale al “super like” e fa vedere subito il tuo profilo all’altro utente. L’app mette a disposizione un “super like” al giorno, ma puoi ottenerne di più sottoscrivendo un abbonamento a Tinder Plus o Tinder Gold.

Come usare Tinder

Con Tinder puoi vivere un’avventura o trovare l’amore…

Oltre ad aumentare il numero di “super like”, i servizi a pagamento ti danno accesso a numerose funzionalità aggiuntive, come annullare un’azione sbagliata, aggiornare in anticipo la geolocalizzazione e avere a disposizione più “boost”. Inoltre, ti permettono di fare ogni giorno tutti gli “swipe” che vuoi.

Ma cos’è lo “swipe”? Molto semplicemente, il cuore del funzionamento di Tinder. Per promuovere un profilo, devi scorrere l’immagine verso destra (“swipe right”). Per bocciarlo, verso sinistra (“swipe left”). L’app mette a disposizione un numero predefinito di “swipe” al giorno per ogni utente (in base ai risultato di un algoritmo che analizza le abitudini di impiego) e, al raggiungimento della soglia massima, impedisce di farne altri per 12 ore. Se sei abbonata a un servizio a pagamento, il limite non esiste.

Come si usa Tinder

Dopo avere installato Tinder sul tuo telefono, la prima cosa che devi fare è impostare il tuo profilo, scegliendo una foto e scrivendo una breve presentazione. L’app ti permette di caricare fino a 6 immagini e il consiglio è di scegliere scatti in cui ci sei solo tu e che ti rappresentano al meglio. Selfie, foto finte rubate uguali a mille altre, immagini hot e private sono da evitare. Invece, per quanto riguarda la descrizione, Tinder ti mette a disposizione 500 caratteri. Per fare centro (anzi, “match”), presentati in modo conciso, brillante e senza rivelare troppo. E se sei a corto di idee, niente paura. Per trovare l’ispirazione, c’è il nostro articolo Come conquistare un ragazzo in chat.

Una volta che hai creato il tuo profilo… buttati! Per una “caccia” mirata, stabilisci se vuoi incontrare uomini o donne e seleziona la fascia di età e il raggio di azione. Tinder inizierà a mostrarti vari utenti e tu potrai bocciarli (facendo “swipe left” o cliccando sulla “X” rossa) oppure promuoverli (facendo swipe right o cliccando sul cuore verde). Se anche l’altra persona promuoverà la tua foto, avverrà il “match”, ovvero l’app vi metterà in contatto in chat e potrete scrivervi.

E se il lui (o la lei) ti fa letteralmente impazzire? In questo caso, puoi farglielo sapere con la stella azzurra: il “super like” farà vedere subito il tuo profilo all’altro utente.

Guida pratica

Tinder è semplice e veloce da usare. Ma come puoi farti notare tra tanti profili ed essere scelta?

Le foto e la presentazione sono fondamentali per ottenere il “match”, ma dopo devi essere capace ad affascinare il tuo interlocutore con le parole. Una regola non scritta di Tinder prevede di essere onesti e di dire perché si è in chat e cosa si vuole. Inutile girarci intorno, la app accoglie sia chi è in cerca di avventure senza pensieri che chi sogna una relazione duratura: meglio giocare subito a carte scoperte per evitare cocenti delusioni. Certo, questo non significa che devi metterti a parlare di matrimonio dopo 5 minuti (del resto, è una cosa da evitare anche in un appuntamento dal vivo). Però è inutile che tu faccia la donna di mondo, per poi ritrovarti con il cuore spezzato sul divano a ingozzarti di junk food davanti alla TV.

D’altra parte, non è detto che ogni “match” dia il via a una chat. Magari hai promosso dei profili che non ti interessavano realmente e lo stesso può essere per il tuo (mancato) interlocutore. Invece, se mentre chatti ti accorgi che la persona con la quale stai parlando non ti piace (per qualsiasi ragione), è tuo pieno diritto chiudere la conversazione. L’importante è farlo con educazione.

Al contrario, il tuo “swipe right” può rivelarsi molto piacevole. In questo caso, lo step successivo prevede di passare a scriversi su un’altra chat (Whatsapp, Facebook o Messenger) ed eventualmente di sentirsi per telefono.

Tinder: come funziona

Swipe dopo swipe, arriva il momento di incontrarsi.

E una volta che vi siete parlati? Di solito, l’epilogo naturale consiste nel vedersi di persona. A prescindere dalla ragione per cui sei su Tinder, il consiglio è di organizzare un primo appuntamento poco impegnativo e che ti permetta di sganciarti facilmente, se non dovessi trovarti a tuo agio. L’ideale è un caffè a metà mattina o dopo pranzo. Un’alternativa è il classico aperitivo. In ogni caso, muoviti in modo indipendente e concorda una exit strategy con una o più amiche.

Magari l’affascinante conversatore in chat dal vivo si rivelerà un odioso narciso. Oppure un ragazzo simpatico e interessante, però non il tuo tipo. Ma può anche accadere che nelle stelle sia scritto che devi incontrare la tua anima gemella sotto il segno di… Tinder!

Photo cover credits: Adobe Stock

Photo text credits: Becca Tapert on Unsplash e Chad Madden on Unsplash

Sull'Autore

Redazione

La Redazione di JunGlam è un team di esperti del settore moda, beauty e coaching. Caratteri molteplici e concept cosmopolita con uno sguardo aperto e alla continua ricerca di idee e tendenze.

Lascia un commento