fbpx
Fashion

Milano Moda Uomo AI 2023/2024: il calendario, le sfilate e gli eventi

Scritto da Patrizia Saolini

Dal 13 al 17 gennaio 2023 torna Milano Moda Uomo. Il calendario annuncia una edizione ricchissima di sfilate ed eventi e sempre più nel segno della creatività, dell’innovazione, dell’inclusività e della sostenibilità.

Milano accende i motori e dà inizio al tradizionale lungo happening dedicato alla moda con la Men’s Collection Fashion Week Autunno/Inverno 2023/2024. La manifestazione – come sempre organizzata da Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI) – si svolge dal 13 al 17 gennaio e prevede 22 sfilate fisiche, 31 presentazioni, 5 presentazioni su appuntamento, 4 contenuti digitali e 17 eventi.

Il calendario di Milano Moda Uomo AI 2023/2024

A dare il via alle danze è Gucci: la maison torna dopo tre anni nel calendario maschile e la sfilata – in programma nell’HUB di Via Mecenate 77 – è già uno degli eventi più attesi. All’estremo opposto, la chiusura degli show in presenza tocca a Zegna. In mezzo, tanti appuntamenti con il meglio dello stile italiano e non solo, come Dsquared2, MSGM, Giorgio Armani ed Emporio Armani, Dolce e Gabbana, Fendi, Etro, Prada, JW Anderson (che conferma la sua presenza a Milano).

La Men’s Collection Fashion Week AI 2023/2024 registra anche l’esordio in passerella il marchio londinese Charles Jeffrey Loverboy, che ha partecipato all’edizione di giugno 2022 con un progetto digitale. In maniera analoga, vede il debutto nel calendario delle presentazioni di ADD, Bonsai, Charles Philip, Iuter, Sestini, Tagliatore e Valstar.

Il ricco programma prevede altresì alcuni eventi speciali. In occasione del 100esimo anniversario, Colmar svelerà in anteprima la nuova collezione Colmar Revolution, mentre The Woolmark Company & Luna Rossa Prada Pirelli presenteranno le novità della technical partnership, mostrando il ruolo fondamentale della lana Merino nell’abbigliamento e nelle divise del team e dell’equipaggio.

Innovazione, inclusione e sostegno alle nuove realtà

La Men’s Fashion Week AI 2023/2024 porta avanti l’innovazione digitale introdotta giocoforza per la pandemia e diventata un imprescindibile valore aggiunto per la manifestazione.

Per la Settimana della Moda Uomo dal 13 al 17 gennaio viene confermata l’attivazione della piattaforma milanofashionweek.cameramoda.it, con la presenza di uno spazio per gli showroom virtuali. Inoltre, è prevista la trasmissione degli appuntamenti della settimana in Cina continentale, grazie allo streaming partner internazionale Tencent Video, e in Giappone, su YouTube tramite Fashion Channel e Asahi Shimbun. Urban Vision, infine, cura la diffusione in streaming delle sfilate in loco, per mezzo di un maxi lead posizionato sul Duomo di Milano, messo a disposizione da Samsung.

La grande vivacità e la continua sperimentazione dell’happening meneghino sono state commentate con orgoglio dal Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Ennio Capasa:

Creatività, innovazione, qualità e sostenibilità continuano ad essere le leve principali per il continuo sviluppo del sistema della moda maschile italiana. Il calendario della Fashion Week che presentiamo oggi si rivela ricco di appuntamenti che dimostrano un grande dinamismo del settore.

Ma la “box” della Settimana della Moda Uomo contiene ancora altre sorprese. In occasione della manifestazione, è stata annunciato il bando per l’assegnazione dei CNMI Fashion Trust Grant 2023, promosso dal Camera Moda Fashion Trust, per sostenere e promuovere la nuova generazione dei marchi indipendenti del Made in Italy. E quest’anno, per la prima volta, l’iniziativa apre anche ai brand menswear.

Inoltre, in partnership con Salesforce e in collaborazione con D.i.Re (Donne in Rete contro la violenza), CNMI lancia il progetto di mentoring Empowering Women in Fashion Retail. L’attività è dedicata a donne provenienti da tutta Italia e con background professionali diversi e ha l’obiettivo di fornire le competenze necessarie per iniziare a intraprendere un percorso lavorativo nel settore del fashion retail.

Ultimo ma non ultimo, a marzo 2023, CNMI e Zalando, in collaborazione con Highsnobiety, organizzeranno l’evento Changemakers in luxury fashion, un appuntamento che vedrà coinvolti alcuni dei leader del fashion luxury in una giornata di “ispirazione e scambio” a Milano.

Gli highlight di Milano Moda Uomo AI 2023/2024

Children of the discordance

Il brand giapponese Children of the discordance sceglie di nuovo la formula del fashion film – intitolato Interventions e diretto ancora una volta dal regista Keita Suzuki – per presentare la nuova collezione alla Milano Fashion Week.

La proposta AI 2023/2024 di Shikama Hideaki, direttore creativo di Children of the discordance, esprime “un desiderio di pace” – in riferimento alla drammatica situazione in Ucraina – e si ispira a una visione del mondo post-bellico. Gli elementi caratterizzanti della nuova collezione sono pattern accostati, giustapposti e lavorati per creare nuovi tessuti. I materiali vintage e dead stock, il motivo paisley, lo studio di gradazioni di bianco e nero e le sperimentazioni sulle sfumature, invece, rappresentano la continuità con le stagioni passate.

Key look della collezione AI 2023/2024 di Children of the discordance. Photo courtesy: Uncnd

Simon Cracker

Il mondo versa in condizioni critiche, e la moda non può più permettersi di fare finta di
niente. Questa volta siamo un po’ più arrabbiati, vogliamo che le parole si trasformino in fatti: siamo ragionevoli e pretendiamo l’impossibile.

Il brand indipendente Simon Cracker si presenta alla Milano fashion Week FW 2023/2024 con la collezione … But no, connotata da una forte ideologia punk. Anticonformismo, provocazione e presa in giro del sistema prendono forma in una varietà di capi – ovviamente – non convenzionali, che affermano una identità unica e “non allineata” e un atteggiamento che rifugge dalle uniformi e dal
pensiero ortodosso, Qualche esempio? Gli abiti sartoriali incrostati di silicone che si crepa quando vengono indossati, cappotti creati con coperte fatte a mano, maglieria che nasce da scarti e prove di lavorazione, camicie bianche con colletti tagliati alla Peter Pan e colorati di vernice spray, frammenti di vecchi lampadari che diventano gocce di sangue.

La collezione è completata da due collaborazioni speciali. Una con Jamie Reid, artista, anarchico e Art Director dei Sex Pistols: alcuni capi del suo brand Ragged Kingdom sono stati trasformati nei pezzi che hanno chiuso la sfilata. L’altra con la designer di maglieria Gaia Segattini e il suo brand Knotwear.

Un look della collezione … But No di Simon Cracker. Photo credits: Nicola Biscaro. Courtesy: Maximilian Linz

Lardini

Lardini debutta a Milano Moda Uomo AI 2023/204 con la collezione Evolving Elegance, una presentazione stampa e un party con i dj di fama internazionale Mace e Cristina Lazic. La proposta per la prossima stagione fredda esprime un processo di rinnovamento in cui la narrazione del gusto e la raffinatezza che da sempre appartengono al brand rimangono inalterati, pur trovando espressione in nuove forme e nuove formule.

A partire dall’assunto che “assecondare un’eleganza in evoluzione vuol dire prima di tutto portare avanti uno spirito innovativo che riconosce la solidità delle proprie radici”, Evolving Elegance prende forma attraverso tre linee che rappresentano altrettanti stili e modi di essere.

Lardini Attitude sperimenta un new tailoring black, rock, chic, in cui la sartoria assume una ltro ruolo e si arricchisce di un twist un po’ hard e un po’ Eighties. Le linee sono pulite e verticali, il design affilato “ma speziato da una punta di provocazione”, i materiali di altissimo livello. Lardini Lab propone un guardaroba innovativo, essenziale, elegante e cosmopolita, che si apre alle contaminazioni urban e sporty e si caratterizza attraverso cinque cromie puntuali: panna, grigio, blu, nero, verde militare. Lardini Collection rilegge i classici connettendosi maniera diretta all’heritage del brand, che viene reinterpretato attraverso i colori – il bianco sopra tutti, ma anche il blu, il grigio, il rosa, il cammello, il turchese, il burgundy – e il rinnovato fascino dell’abito.

La presentazione della collezione Evolving Elegance di Lardini a Palazzo Mezzanotte. Photo courtesy:
Negri Firman PR & Communication

Shanghai Tang

La collezione AI 2023/2024 del marchio cinese di lusso Shanghai Tang celebra l’importanza dei legami familiari e dei sentimenti più sinceri e la gioia di una riunione familiare diventa il filo conduttore dei capi creati dalla designer director menswear Yvonne Yao.

La stilista ha lavorato sulle silhouette iconiche della tradizione cinese introducendo elementi di sorpresa e originalità. I tipici bottoni a nodo vengono ingranditi o accesi da tocchi di colore, i capi decorati da ricami preziosi peculiari del guardaroba di David Tang assumono silhouette rilassate, il color- blocking aggiunge una nota fresca alla palette classica che caratterizza il marchio.

Il mood della collezione racconta una leggerezza attuale e festosa, seppure radicata nella tradizione, anche attraverso i codici sartoriali classici realizzati utilizzando materiali più utility e contemporanei.

Un look della collezione AI 2023/2024 di Shanghai Tang. Photo credits: SGP Photoagency. Courtesy AFF Comunicazione

Santoni

Lo stile unico e l’autenticità di Santoni trovano una nuova – evoluta, per l’esattezza – espressione nella collezione Uomo Autunno-Inverno 2023/24. La proposta per la prossima stagione fredda elabora i codici distintivi e i valori fondamentali del DNA del marchio e li proietta nel futuro, attraverso una ricerca stilistica continua e l’impiego di materiali innovativi.

Il colore è a centro della collezione. La palette cromatica si intreccia al mondo naturale e green e l’iconica doppia fibbia viene rielaborata per mezzo di una laccatura sfumata e di molteplici e profonde tonalità che stemperano a creare un effetto rarefatto. I volumi sono decisi e partecipano al processo di evoluzione dello stile e del gusto di santoni, che trova la massima espressione nel mocassino Andrea, chiamato così in onore del fondatore, Andrea Santoni. Il modello è una riedizione contemporanea della scarpa che negli anni ’80 ha contribuito a rendere il marchio famoso nel mondo e si accompagna a numerose sneakers e a una serie di borse raffinate, tra cui le nuove Double Buckle.

L’evoluzione della collezione Santoni AI 2023/2024. Photo courtesy: Ready2Fly || FSB Group

Photo cover credits: Adobe Stock

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Giornalista, Chief Happiness Officer e Life Coach con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur. É autrice di quattro libri sul retail coaching e l'ideatrice del marchio Retail Coach®. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.