fbpx
Eros

Stare con un uomo sposato: tutto quello che devi sapere

Scritto da Silvia Artana

Lui è l’uomo della tua vita. Ma, c’è un ma: è sposato. Però sei convinta che il vostro amore sia speciale e che la vostra storia avrà l’happy ending. Sei proprio sicura? Le relazioni di questo tipo si basano su presupposti malati e nella stragrande maggioranza dei casi sono fonte di grande sofferenza ed enormi delusioni. Se ne stai vivendo una, leggi qui.

Ogni relazione ha i suoi problemi. Ma se sei il terzo lato di un triangolo, le criticità sono all’ordine del giorno. Perché stare con un uomo sposato significa accettare una infinità di compromessi e di bocconi amari. Molto spesso, senza un lieto fine. Sono pochi, pochissimi i mariti che lasciano le mogli e decidono di ricominciare da capo con l’amante. Nella stragrande maggioranza dei casi, preferiscono condurre una doppia vita… fino a che ne hanno voglia. E qualche volta usano l’altra per trovare la forza di chiudere un matrimonio arrivato al capolinea, ma guardandosi bene dal coinvolgerla nella loro nuova esistenza.

Se stai vivendo una situazione così, ecco tutto quello che devi sapere.

Amore o dipendenza?

Da quando lo hai incontrato, tutto ruota intorno a lui. Aspetti le sue telefonate e i vostri incontri con un desiderio e un’urgenza che sconfinano nell’ossessione. Ma in un rapporto simile c’è un (grosso) problema: quello che provi non è amore, bensì bisogno. Pensaci bene. Ti interessa sapere come sta e cosa gli passa per la testa o vuoi solo che stia con te e che riempia il vuoto, la solitudine e il dolore che provi quando non c’è? Lui è la tua droga e la tua è una dipendenza.

Fermati a riflettere su come è cambiata la tua vita da quando avete iniziato a frequentarvi. Ti accorgerai che un poco alla volta, ma inesorabilmente, hai fatto il vuoto intorno a te. Per essere sicura di esserci nelle rare occasioni in cui lui è libero, hai iniziato a declinare inviti e a tirare pacco ai tuoi amici. Che hanno finito con il lasciarti perdere. E ti sei chiusa a riccio con le persone che ti vogliono bene, fino ad allontanarle, perché ti sentivi non capita e giudicata.

Non ti sembra un comportamento terribilmente simile a quello di chi è dipendente dall’alcool, dalla droga o dal gioco?

L’autoinganno della negazione e dell’attesa

Dopo che la tua migliore amica ti ha detto per l’ennesima volta che la vostra storia è un’illusione, che vivete in una dimensione irreale e avulsa dalla quotidianità, prima hai smesso di raccontarle di voi e poi hai chiuso i rapporti con lei. La sua ottusità, la sua incapacità di capire il vostro grande, tragico amore ti hanno profondamente delusa. Ma sei sicura che l’errore di valutazione l’abbia fatto lei?

Prova a pensarci. Quante volte lui ha annullato un appuntamento all’ultimo minuto? Quante promesse ti ha fatto che non ha mantenuto? Quante volte è sparito per poi riapparire come se niente fosse? Sempre senza darti la minima spiegazione. Anzi, facendoti sentire in colpa se provavi a chiedergliela. Per non ammettere l’evidenza che tu dipendi da lui, ma lui non dipende da te (tutt’altro), hai iniziato a trovare giustificazioni per ogni suo comportamento (anche i più spregevoli) e a dirti che quando lascerà la moglie, le cose cambieranno. Ma la lascerà?

Come la negazione, anche l’attesa di un domani nebuloso e indefinito, in cui voi starete insieme alla luce del sole, è un autoinganno per tenere in piedi un rapporto che fa acqua da tutte le parti. È davvero molto, molto raro che gli uomini sposati divorzino per stare con l’amante. Invece, possono portare avanti una relazione extraconiugale all’infinito. Da quanto tempo “state insieme” e da quanto lui ti dice che lascerà la moglie? Se sono anni, ci sono ben poche probabilità che lo faccia davvero.

Bassa autostima vs narcisismo

Se guardi alle tue storie passate, vedi solo uomini egoisti, infantili, svalutanti e dominanti. Ma ora hai incontrato lui. Lui è diverso e tu non riesci a capacitarti che possa essere interessato a te. È bello, ha successo nel lavoro, le donne cadono ai suoi piedi ed è profondo e pieno di qualità. Non riesci a farti una ragione del fatto che sua moglie se lo stia lasciando scappare e ti ripeti che tu sei stata incredibilmente fortunata. Ecco, non è così.

Lui è esattamente come gli altri. Anzi, è peggio. Perché ha capito perfettamente che tu misuri il tuo valore in relazione a lui. La tua bassa autostima nutre il suo narcisismo e la tua debolezza ti rende malleabile e manipolabile.

Se ci pensi, le volte che hai provato a prendere le distanze e a chiudere la vostra relazione, lui è tornato alla carica più affascinante e irresistibile che mai. Si è battuto il petto, ti ha fatto promesse, ti ha aperto il suo cuore (…) e ti ha detto frasi che sono rimaste scolpite a fuoco nella tua mente. Ma quando tu sei tornata nei ranghi, le sue parole sono volate vie e il suo comportamento è tornato quello di sempre. Invece, le volte in cui per una qualche ragione lo hai ferito o deluso, ti ha rovesciato addosso veleno e disprezzo e ti ha fatto sentire una nullità, spingendoti a umiliarti in ogni modo per ottenere il suo perdono.

La luce in fondo al tunnel

Uscire da una relazione con un uomo sposato è possibile, ma per riuscirci devi essere pronta ad accettare delle verità molto dolorose. Non solo sul vostro rapporto, ma soprattutto su di te.

Procedi per piccoli passi. Inizia a dirgli di no, a recuperare i tuoi spazi e le tue amicizie. Fai cose che ti appagano e che ti fanno stare bene. Riscopri il piacere di gestire il tuo tempo come vuoi tu e di essere libera. Magari, regalati quel viaggio che hai sempre voluto fare. Mettiti alla prova e scoprirai che il tuo valore non dipendeda lui né da nessun altro uomo, ma solo da te stessa.

La strada sarà lunga, ma quando inizierai a uscire dal castello di menzogne che ti sei costruita intorno, vedrai che ci saranno diverse persone pronte ad aiutarti. Quelle che hai tagliato fuori dalla tua vita, ma che non ti hanno mai abbandonata. E se ti rendi conto che la rotta potrebbe portarti verso acque agitate e profonde, non ti vergognare a chiedere l’aiuto di uno specialista.

La consapevolezza di chi ce la fa

Stare con un uomo sposato è sempre una storia di sofferenza? La risposta è no. Se hai piena consapevolezza che la vostra relazione non è come tutte le altre e riesci a mantenere il controllo della tua vita, puoi goderti il meglio ed evitare sofferenza e delusioni. Al netto dei facili moralismi.

La natura dei sentimenti e dei legami è complessa e spesso imperscrutabile e se a te sta bene avere un uomo con cui condividere una vita di incontri fugaci e appassionati, non devi lasciarti condizionare dal giudizio degli altri. Ma l’importante è che a te stia davvero bene e che nel profondo della tua testa, da qualche parte, non risuonino accordi di arpa. Perché potresti avere un inaspettato e forse neppure cercato lieto fine, ma anche no.

Photo cover credits: Sarah Diniz Outeiro on Unsplash

Photo text credits: Xavier Sotomayor on Unsplash Kyson Dana on Unsplash

Sull'Autore

Silvia Artana

Dopo la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie, ha conseguito un Master in Divulgazione Scientifica e ha mosso i primi passi nell'editoria occupandosi di scienza e tecnologia. Oggi scrive di moda, bellezza, benessere, lifestyle, cinema e TV per diversi magazine e testate digitali e svolge attività di copywriting, storytelling e ghostwriting online e offline.

Lascia un commento