fbpx
Fashion

Aigner Autunno/Inverno 2019-20 alla Milano Fashion Week

Scritto da Patrizia Saolini

La collezione Autunno/Inverno 2019-20 di Aigner è una reinterpretazione della fiducia nel futuro tipica dell’Illuminismo.

Sapere aude, abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza è, secondo Immanuel Kant, il motto dell’Illuminismo. E proprio al Secolo dei Lumi con la sua speranza in un futuro fondato su libertà, felicità e conoscenza ci porta la stagione Autunno/Inverno 2019-2020 di Aigner, un Illuminismo reinterpretato da Christian Beck attraverso linee pulite, dettagli a contrasto e texture stratificate.

Aigner-FW19

La razionalità delle linee è interrotta dalla stampa pansy, segno distintivo della collezione sulla passerella di questa Milano Fashion Week, che regala romanticismo ai pantaloni ampi, agli abiti lunghi e agli overall in tulle ricamato. I ricami di perle e il logo stampato sfilano accanto al tartan delle mantelle, allo shearling delle giacche aviator e al cachemire e alla nappa che caratterizzano piumini e giacche.

Overall-Aigner-FW19

La tradizione equestre del brand, oltre che dall’iconica testa di cavallo, per la prossima stagione invernale prende forma anche nella borchia che diventa caratteristica emblematica della collezione.

La palette di colori affianca le tinte delicate del Night Grey, Dark Mauve, Shadow Grey e Light Mauve a nuance più intense come il verde, il Bison Brown e il Deep Blue.

Aigner-AI19

Il focus della collezione è come sempre sulle borse, protagoniste anche della stagione Autunno/Inverno di Aigner.

Borsa-Aigner-FW19

Photo courtesy Aigner Press Office

La signature bag Cybill Specials si presenta due nuove versioni: Cybill Tartan, che riprende la stampa a quadri, una delle caratteristiche della collezione, declinandola in due combinazioni di colori, e Cybill Perla, contraddistinta dalle borchie e dalle applicazioni di perle.

Epona, la nuova serie di borse della maison, prende il nome dalla dea romana dei cavalli e fonde i modelli con il manico superiore con la saddle bag ripresa dagli archivi degli anni Settanta mentre Dea si candida a diventare la nuova icon bag nei due formati di borsa con manico e borsa a spalla.

Cosima, ampia e spaziosa, non si accontenta e nasconde sul retro un’ulteriore tasca chiusa da zip. Dora è la versione mini della serie Diadora ed è proposta in versione Dora Pearl, decorata con perle e borchie, Dora Pansy, contraddistinta dalla fantasia fiorata, Dora Check, caratterizzata dal tartan, e Dora Crystal, scintillante di cristalli di antracite. Nel modello Savona infine le catene ricordano-il tradizionale ferro di cavallo Aigner.

I look della sfilata sono completati dagli stivaletti a punta con taglio laterale, dagli stivali con zip lunga e dalle sneaker chunky in versione bassa e sopra il ginocchio.

Photos | Lucrezia Biasi Photographer

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor, scrittrice e corrispondente estera di JunGlam.com, con alle spalle una carriera in aziende del lusso internazionale. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty, lifestyle e retail. Life coach professionista, con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur, é l'ideatrice di Retail Coach®, un marchio che garantisce consulenza strategica e corporate coaching alle aziende del lusso dedicate al servizio al cliente multicanale.

Lascia un commento