fbpx
Beauty

Smart working al femminile: come apparire perfette in video

Scritto da Antonio Ciaramella

Come docente ed esperto di make up, sono spesso invitato da giornalisti e centri di formazione a condividere i miei consigli e lezioni online. Ancor più in questo periodo bloccato in casa per l’emergenza Covid-19 sono costretto tutti i giorni ad affrontare dirette e interviste tramite Skype o piattaforme dedicate, per agevolare il mio smart working. Grazie alla tecnologia infatti, possiamo condurre affari con chiunque, anche in questo momento così delicato. 

Probabilmente appartieni ad una generazione che preferisce un tipo di comunicazione “tradizionale”, ed è altrettanto plausibile che in questi giorni tu sia passata alla videoconferenza per rimanere in contatto con colleghi, clienti e giornalisti. L’errore più grave che potresti fare è quello di pensare che questo tipo di contatto a distanza non richieda lo stesso livello di attenzione al look che adotteresti per un incontro di persona, nonostante l’impatto visivo rimanga lo stesso.

Lo smart working urge invece di un’immagine che diventi essa stessa riflesso digitale del nostro spessore professionale. Di seguito come esperto di immagine televisiva, ti lascio alcuni suggerimenti per aiutarti ad avere un primo piano che farebbe invidia a Barbara D’Urso!

1.Illumina il tuo successo

Le luci sono importanti tanto per i servizi fotografici quanto per le videochiamate professionali. Potresti poi non essere particolarmente attenta al tuo aspetto quando interagisci su Skype con un collega che conosci da anni, ma quando devi parlare con il tuo manager, un potenziale nuovo cliente o un giornalista, la situazione è completamente diversa: la regola generale prevede di evitare le luci fluorescenti dei neon che possono rivelarsi impietose e mostrare un’immagine poco gradevole. Evita anche le luci ambientali, se non particolarmente diffuse, poiché possono creare contrasti luminosi e ombre scure sugli occhi, oltre a fronti spaziose e lucide.

Fai in modo che luce e fotocamera puntino nella stessa direzione, la posizione corretta della luce principale è dietro la webcam che a sua volta è posizionata all’altezza degli occhi; la scelta migliore è quella di utilizzare due sorgenti luminose dietro la fotocamera poste a 45 gradi, una sul lato destro e una a sinistra bilanciando perfettamente la direzione della luce.

2. Scegli uno sfondo neutro

Non importa il rilievo della videochiamata, la cosa importante è assicurarti che il tuo background sia ordinato e neutro per preservare la tua privacy e restituire un’immagine fortemente professionale. È proprio il caso di dire “Less is more”.  

II focus della videochiamata devi essere TU! Evita quindi che dall’altra parte si distraggano osservando le foto di famiglia, i giocattoli dei bambini o qualsiasi disordine accidentale. C’è un piccolo trucco che potresti attuare, una volta pronta scatta un selfie e una foto all’ambiente che ti circonda, vesti per qualche minuto i panni di uno scenografo cinematografico e fa in modo che quello che appare nell’immagine rispecchi pienamente lo spirito che vuoi trasmettere e soprattutto il DNA della tua azienda.

3. Se funziona l’immagine…

Quando devi scegliere l’abbigliamento per una video conferenza, devi tener presente le giornaliste televisive. L’importanza e la serietà delle notizie che divulgano si rispecchia in pieno con la sobrietà e solidità visiva del loro vestiario, per questo evita modelli sgargianti e ricchi di fantasie. Anche i colori devono risultare pieni e audaci, opta per tinte primarie come il rosso, giallo, blu o i classici neutri del bianco e grigio, evitando l’austerità del nero, che tra l’altro in video risulta impersonale, soprattutto su una donna. L’outfit può essere completato con dei punti luce come dei gioielli semplici, evitando però bijou che possano fare rumore attraverso i microfoni. 

Perfette dalla vita in su, a meno che non siano previsti spostamenti o inquadrature totali. Controlla scupolosamente il tuo aspetto prima di andare in diretta: i capelli, i denti, il trucco e la giusta opacità del trucco, in tal proposito appoggia vicino a te delle veline, un pettine e il giusto necessario per un ritocco veloce durante le pause!

Scegli uno sfondo neutro, cura l’abbigliamento e le luci e organizzati per sfruttare i momenti di massima quiete casalinga!

4. Il make up

Considera che la maggior parte dei consigli al pubblico in materia di make up sono nati in ambienti professionali come quelli cine/televisivi. Puoi anche tu, con pochi ed essenziali gesti, ottenere un close up televisivo dal tuo angolo di casa che hai adibito alle videoconferenze. L’imperativo del make up televisivo o fotografico è quello di apparire opaca e priva di discromie. La prima perché le zone lucide non fanno altro che mettere in evidenza gli inestetismi della pelle, la seconda perché le discromie invecchiano il viso ed appesantiscono l’immagine.

1 Prepara la pelle. Se esiste un prodotto che non può mancare per la tua nuova routine da smart worker è quello dell’utilizzo di un primer. Pensa che questo prodotto è stati realizzato appositamente per avere finish opachi e fotografici; molti hanno la capacità di rendere la pelle omogenea e di nascondere inestetismi come i pori dilatati. Ne esistono di specifici per il viso, ma anche per occhi e labbra.

2 Discromie nella zona sotto oculare. Il passo successivo è coprire le occhiaie con un correttore dedicato. Oggi in commercio sono presenti formulazioni molto coprenti, pur rimanendo sottili ed impalpabili. Ti consiglio di fare una prova video col tuo correttore poiché alcuni potrebbero non essere adatti alla ripresa a causa dell’eccessivo potere riflettente (flash back) che farebbe apparire la zona delle occhiaie bianca e innaturale. 

3 Base e fissaggio. Il viso è ora pronto per essere uniformato con un sottile strato di fondotinta. Opta per quelli con una formulazione idratante, ma che abbiano un finish opaco. Il fissaggio è fondamentale per il professionista che lavora per cinema o televisione, tuttavia bisogna saper dosare l’azione: troppo fissaggio restituisce un’immagine ingessata, troppo poco renderebbe il volto lucido e a tratti unto. Io consiglio di passare un velo di cipria con un pennello nella zona sotto oculare, al centro del viso (fronte, naso, mento) e sulle guance, lasciando lucida la parte alta dello zigomo. Questa zona selezionata di luminosità darà la percezione visiva di un volto idratato.

4 Colpi da maestro. Per non risultare piatta in video ombreggia le guance con un bronzing o del blush dai toni delicati. Per avere invece uno sguardo attento e sveglio una matita leggermente sfumata farà al caso tuo insieme ad un mascara ben pettinato, concludendo con un bel tocco di colore come unico elemento caratteriale, affidato al rossetto. In video se la bocca è l’unico elemento colorato in un’immagine totalmente neutra, catalizzerà l’attenzione su quello che dirai. Per concludere rendi le tue labbra dall’aspetto idratato e sofisticato con un velo leggerissimo di gloss. 

5 Pochi colori in video. Ricorda che non tutti i cosmetici hanno una resa fotografica ottimale a causa delle diverse formulazioni: La miglior cosa resta quindi fare sempre delle prove video… un’attenzione che farà la differenza!

Il make up perfetto per il video punta tutto sulla perfezione della base | Photo by Lidia Costea from Pexels

5. Non perdere l’attenzione

Una mossa strategica sarebbe quella di organizzare le videochiamate nei momenti di massima quiete casalinga, perché se è vero che questa non sempre è un’opzione plausibile, è altrettanto vero che avvertire i familiari nel momento in cui si sta per andare in “video” potrebbe evitare imbarazzanti incidenti, spesso non causati dai soli bambini. 

6. Mantieni il controllo

Ovviamente non sei una persona abituata come le star televisive, né tantomeno gli anchorman, ed è facile perdere la concentrazione ed il focus della comunicazione. Per evitare figure inopportune preparati una scaletta, del resto è ancora lo strumento più utilizzato dai professionisti televisivi, perché non approfittarne? Segna alcuni appunti su un pezzo di carta o dei comodissimi post-it e fissali accanto alla webcam. Questo ti aiuterà a rimanere concentrata. 

7. Oscar per la regia

Se sei abituata a fare molte videoconferenze, considera l’opzione di investire in una webcam 4k con funzionalità ad alta definizione, con microfono incorporato e la possibilità di migliorare la focale e l’esposizione con piccoli e semplici gesti. Ti ricordo che questo pacchetto fa parte della grande influenza che la tua immagine trasmetterà al pubblico.

Per evitare che il nervosismo possa prendere il sopravvento, fai delle prove, magari registra anche la ripresa, in modo che con spirito critico tu possa cogliere gli elementi di forza della tua immagine.  Infine ricorda sempre l’effetto aureola: se tutto quello che vedo è bello allora vuol dire che è anche buono.

Mi sembra un ottimo motivo per affrontare la prossima videoconferenza in modo pazzesco!

Cover photo by Icons8 Team on Unsplash

Sull'Autore

Antonio Ciaramella

Lavora in ambito della moda, televisivo, curatore di eventi in materia Trucco e estetica, partecipa a diverse trasmissioni tra cui “Seltz” su Rai2 e “make up il trucco del successo” su Sky e curatore del sito/blog di cultura e storicità del make up www.timelessbeauty.it. Capo truccatore di Miss Italia dal 2013. Autore del successo editoriale “Make up 100 anni allo specchio” Ed. Efesto saggio di storia ed evoluzione della cosmesi e del look nel XX secolo, inoltre docente presso le più importanti accademie d'Italia.

Lascia un commento