Beauty

Cos’è il Penis Facial, il trattamento anti-age che piace alle star

Penis Facial
Scritto da Redazione

Cate Blanchett ha sollevato un polverone dichiarando di sottoporsi a un “magico” trattamento di bellezza chiamato… Penis Facial! Il nome ha fatto subito parlare, ma la discussione si è incendiata quando è stato scoperto che utilizza cellule staminali del prepuzio di bambini coreani circoncisi. Pulp beauty?

Invecchiare fa paura a tutti, ma per le star è anche questione di business. Nonostante i proclami e lo sfoggio di una nuova consapevolezza, le dive di Hollywood continuano a essere molto preoccupate di apparire giovani e questo le porta a utilizzare la chirurgia estetica tout court oppure rimedi di bellezza sempre più spinti e controversi.

Ad aggiungere un nuovo elemento al (lungo) elenco delle follie beauty dell’entertainment ci ha pensato Cate Blanchett, che in un’intervista a Vogue Australia ha dichiarato di ricorrere (dietro suggerimento dell’amica Sandra Bullock e a quanto pare con grande soddisfazione) a un trattamento anti-age e antirughe dal nome che lascia poco (o molto, dipende dai punti di vista) all’immaginazione: Penis Facial.

Cos’è il Penis Facial e come funziona

La candida rivelazione di Cate Blanchett ha scatenato un putiferio, al punto che Vogue Australia ha rimosso la parte incriminata dell’intervista (credendo ingenuamente di mettere a tacere la cosa). Ma cos’è il Penis Facial, al di là della facile ironia?

A spiegarlo a The Hollywood Reporter è stata la sua inventrice, la celebre consulente di bellezza Georgia Louise. In pratica, si tratta di un trattamento a base di EGF (Epidermal Growth Factor o Fattore di Crescita dell’Epidermide), ovvero una molecola che regola la crescita, la proliferazione e la differenziazione cellulare e che di conseguenza rende la pelle più tonica e luminosa e combatte e previene la formazione delle rughe. A prima vista, niente di strano. Quello che ha scatenato la polemica è che l’EGF è di origine umana e che nel caso specifico deriva dalle cellule staminali del prepuzio di bambini coreani circoncisi.

La descrizione suscita una vaga inquietudine mista a un certo ribrezzo, ma (ancora una volta) le cose non sono pulp come sembrano. Georgia ha chiarito che l’EGF che utilizza lei viene prelevato da cellule staminali clonate in laboratorio a partire da quelle originali e che queste ultime provengono da una banca di cellule staminali con sede in Corea. La consulente di bellezza ci ha tenuto a precisare che il materiale di partenza è una donazione che risale a parecchi anni fa e che per realizzare il trattamento “non è stato usato nessun bambino”. Da ultimo, ha aggiunto che il suo EFG è approvato dalla US Food and Drug Administration.

I’ve been inundated with #EGFhollywoodfacial or as cate called it #penis Facial. I wanted to set the record straight on the treatment, the facial includes a cleanse, followed by an intensive TCA peel, LED then a micro-needling machine and an electrifying mask to calm the skin, followed by my ‘secret box’ of EGF serum (Epidermal Growth Factor). EGF is derived from the progenitor cells of the human fibroblast taken way back when from donated stem cells from a Korean newborn baby foreskin. This cell was grown in a lab and I use only the clone EFG cells which are as potent as the original cell taken– which helps to generate collagen and elastin, heal scar tissue and help treat pigmentation and sun damaged skins. FDA approved stem cells and peptides are penetrated deep into the skin using a special electric micro- needling wand. This process allows the active ingredients to be transported deep in the skin by creating temporary micro- channel. Watch EGF in highlights for demo on treatment 💉💉⛏❤️

A post shared by Georgia Louise (@georgialouisesk) on

Per chi è curioso di sapere come come funziona il Penis Facial, il cui nome ufficiale è Hollywood EGF Facial, Georgia ha fornito una parziale descrizione.

Il primo step è la pulizia del viso con un detergente. Poi viene effettuato un TCA peel, ovvero un peeling chimico con Acido Tricloroacetico, che agisce in profondità. Il trattamento prosegue con un micro-needling, una tecnica che consiste nello stimolare la produzione di collagene e nel migliorare la penetrazione dei prodotti di bellezza attraverso l’impiego di un rullo (dermarolling) o di timbri (dermastamp o dermapen) con dei micro aghi. Dopo è la volta di una maschera viso elettrificata per calmare la pelle e da ultimo viene applicato l’EGF.

I trattamenti di bellezza più strani delle star

Il Penis Facial di Cate Blanchett ha sollevato un polverone, ma il trattamento di Georgia Louise è solo l’ultimo di una lunga serie di rimedi bizzarri e a volte apertamente disgustosi amati dalle star.

In principio è stata la Bird Poop Facial o Geisha Facial, ovvero una maschera a base di escrementi di usignolo, crusca di riso e acqua con una potente azione esfoliante e illuminante, che ha trovato accesi sostenitori in Tom Cruise e nei coniugi David e Victoria Beckham.

Poi è arrivata Kim Kardashian e il celebre scatto su Instagram mentre si sottopone al Vampire Facelift. La signora West si è fatta prelevare del sangue, che è stato centrifugato per ottenere un plasma ricco di piastrine e poi addizionato con specifici prodotti anti-age, quindi se lo è fatto iniettare nel viso. A quanto pare, il trattamento sarebbe miracoloso per stimolare la produzione di collagene e aiutare a spianare le rughe e fare sparire le cicatrici.

Tonight on Kourtney & Kim Take Miami!!! #VampireFacial #kktm

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

Dopo è stata la volta della temeraria Gwyneth Paltrow, che ha dichiarato di sottoporsi a sedute di bellezza a base di veleno di serpente (Snake Venom Botox) e di ape.

Con il Penis Facial, Cate Blanchett ha alzato ancora l’asticella, ma sembra proprio che la gara al rimedio più strano per sfoggiare una pelle sempre giovane, luminosa e bellissima sia tutt’altro che finita.

Photo cover credits: Designed by Freepik

Sull'Autore

Redazione

La Redazione di JunGlam è un team dinamico alla continua ricerca di idee e tendenze. Caratteri molteplici e concept cosmopolita con uno sguardo speciale alle eccellenze del Made in Italy.

Lascia un commento