fbpx
Fashion

Milano Fashion Week Primavera/Estate 2020: il calendario, gli eventi e le presentazioni

Scritto da Patrizia Saolini

Dal 17 al 23 settembre 2019 è tempo di Milano Fashion Week Primavera/Estate 2020. Il calendario è come sempre ricchissimo e comprende presentazioni, sfilate e tanti appuntamenti ed eventi imperdibili.

Dopo New York e Londra, dal 17 al 23 settembre si accendono le luci sulle passerelle della Milano Fashion Week Primavera/Estate 2020.

Ancora una volta e come sempre, la settimana della moda meneghina si conferma grande protagonista dello stile e delle ultime tendenze, con un calendario ricco di presentazioni, sfilate, designer e brand di fama mondiale e tanti, tantissimi eventi.

Il calendario della MFW SS 2020

La MFW SS 2020 inaugura martedì 17 settembre alle ore 20, con la CNMI Fashion Hub Opening e prosegue con un calendario di sei giorni di appuntamenti serrati (e imperdibili).

Mercoledì 18 settembre

  • 09:30 Conferenza Stampa Green Carpet Fashion Awards Italia 2019
  • 10:30 Angel Chen
  • 11:30 Tiziano Guardini supported by CNMI e CNMI Fashion Trust
  • 12:30 Peter Pilotto
  • 13:15 Calcaterra
  • 14:00 Marco Rambaldi supported by CNMI e CNMI Fashion Trust
  • 15:00 Arthur Arbesser
  • 16:00 Prada
  • 17:00 Annakiki
  • 18:00 Alberta Ferretti
  • 19:00 N°21
  • 20:00 Jil Sander

Giovedì 19 settembre

  • 09:30 Max Mara
  • 10:30 Emporio Armani
  • 11:30 Act N°1 supported by CNMI e CNMI Fashion Trust
  • 12:30 Fendi
  • 13:30 Anteprima
  • 14:30 Genny
  • 15:30 Luisa Beccaria
  • 16:30 Vivetta
  • 17:30 Simona Marziali – Mrz supported by CNMI
  • 18:30 Bottega Veneta
  • 18:30 Daniela Gregis
  • 20:30 Moschino

Venerdì 20 settembre

  • 09:30 Tod’s
  • 10:30 Blumarine
  • 11:30 Brognano
  • 12:30 Sportmax
  • 13:15 Antonio Marras
  • 14:00 Etro
  • 15:00 Marni
  • 16:00 Iceberg
  • 17:00 Marco De Vincenzo
  • 18:00 Aigner
  • 19:00 Frankie Morello
  • 20:00 Versace

Sabato 21 settembre

  • 09:30 Salvatore Ferragamo
  • 10:30 Gabriele Colangelo
  • 11:30 MSGM
  • 12:30 Cividini
  • 13:00 CNMI- Camera Buyer Italia Event
  • 14:00 Ermanno Scervino
  • 15:00 Philosophy di Lorenzo Serafini
  • 16:00 Giorgio Armani
  • 17:00 Stella Jean
  • 18:00 Agnona
  • 19:00 Missoni
  • 20:00 GCDS

Domenica 22 settembre

  • 09:30 Drome
  • 10:30 Boss
  • 11:30 Shuting Qiu supported by CNMI
  • 12:30 Laura Biagiotti
  • 13:15 Fila
  • 15:00 Atsushi Nakashima
  • 16:00 Gucci
  • 17:00 Cristiano Burani
  • 20:00 Green Carpet Fashion Awards Italia 2019

Lunedì 23 settembre

  • 09:30 Ultràchic supported by CNMI
  • 10:30 Alexandra Moura
  • 11:30 Fashion Hub and Emerging Designers Market Day
Dal 17 al 23 settembre 2019 va in scena Milano Moda Donna Primavera/Estate 2020, con un calendario ricchissimo di presentazioni, sfilate ed eventi.

Il Green Carpet Fashion Awards Italia 2019

Per il terzo anno consecutivo, la Milano Fashion Week farà da palcoscenico ai Green Carpet Fashion Awards (GCFA), l’appuntamento che celebra l’impegno della moda e del lusso in materia di sostenibilità, consapevolezza e cambiamento per una produzione etica e a basso impatto ambientale e preservazione dell’heritage e dell’autenticità dei piccoli produttori.

L’evento organizzato da Camera Nazionale della Moda Italiana, in collaborazione con Eco-Age e con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico, di ICE Agenzia e del Comune di Milano, si svolgerà domenica 22 settembre, presso il Teatro alla Scala di Milano.

La Creative Director di Genny, Sara Cavazza Facchini, con la sua speciale brand ambassador… l’avatar Noonoouri!

Nell’ambito dei GCFA sarà assegnato il prestigioso Franca Sozzani GCC Emerging Designer Award al vincitore dei CNMI Green Carpet Fashion Awards, la competizione dedicata ai giovani talenti emergenti della moda con una vision improntata alla sostenibilità

I 5 finalisti dell’edizione 2019 sono Flavia La Rocca (flavialarocca), Benedetta Bruzziches, Edoardo Iannuzzi (ACBC), Anyango Mpinga e The Twins Florence.

Il vincitore sarà decretato da una giuria di esperti, che comprende il Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa, la fondatrice di Eco-Age, Livia Firth, il Presidente di Milano Unica, Ercole Botto Poala, il Direttore Creativo di Dyne, Christopher Bevans, lo YouTube Head of New Fashion and Beauty, Derek Blasberg, il Direttore di InStyle, Laura Brown, la scrittrice, attivista e presentatrice Sinead Burke, il Presidente di Women Management, Piero Piazzi, e la Camera Nazionale della Moda Italiana International Brand Ambassador, oltre che Vice Direttore Progetti Speciali Moda Vogue Italia e Direttore Vogue Talents, Sara Sozzani Maino.

[EDIT: il Franca Sozzani GCC Emerging Designer Award è stato conquistato da Flavia La Rocca]

I progetti del CNMI Fashion Hub Market

Nell’ambito del CNMI Fashion Hub Market saranno presentati i progetti Budapest Select, The Future of Craftsmanship, Sino-Italian Fashion Town by CHIC Group e Africa Now.

The Budapest Select nasce dalla collaborazione tra CNMI e la Hungarian Fashion & Design Agency (HFDA) e ha come obiettivo di sostenere lo sviluppo della moda ungherese, attraverso un trasferimento di know how Made in Italy. Gli stilisti che fanno parte del progetto sono Abodi, Artista, Celeni, Cukovy, Elysian, Je Suis Belle e Zsigmond Dora Menswear e sfileranno il 20 settembre ale 12.30 in occasione di uno speciale evento dedicato.

La volontà di conservare e promuovere la sapienza artigiana e i metodi tradizionali di produzione è alla base di The Future of Craftsmanship. CNMI sostiene un gruppo di giovani artisti italiani – Apnoea, Carmelina Raco, Caterina Gatta, Delirious Eyewear, Vanta Design Studio e Woobag – nel preservare le loro competenze e tecniche per una moda che affonda le sue radici nel passato, ma guarda con determinazione al futuro.

Sino-Italian Fashion Town by CHIC Group ha come obiettivo di fare incontrare culture e stili e di favorire la loro diffusione presso un pubblico particolarmente interessato alla moda e alle nuove frontiere della creatività. Il progetto si configura come una piattaforma con quartier generale a nella comunità internazionale di Xi’an a sostegno dello sviluppo e della promozione di brand locali e internazionali e persegue altresì obiettivi di ricerca e innovazione, supportando compagnie italiane e cinesi ad alto potenziale. Gli stilisti di Sino-Italian Fashion Town by CHIC Group presenti alla MFW sono jarelzhang, Percy Lau, Xiaoli, Nomoretouch, Ming Ma, Susan Fang, I-Am-Chen e Snow Xue Gao.

Con Africa Now, CNMI porta per la prima volta al Fashion Hub Market della Milano Fashion Week una selezione di giovani designer africani emergenti. La decisione riflette il nuovo e sempre più importante ruolo del continente africano nel fashion system, la sua forte identità culturale e le sue competenze e tradizioni uniche e originali.

Gilberto Calzolari presenterà la nuova collezione Dune alla Milano Fashion Week SS 2020.

La cornice del Fashion Hub Market accoglierà anche la sfilata di Gilberto Calzolari, che ha recentemente stretto una partnership strategica con l’azienda milanese Garage Showroom di Marina Guidi per raggiungere una platea internazionale di qualità. Le creazioni del vincitore del Franca Sozzani GCC Award for Best Emerging designer al Green Carpet Fashion Award Italia 2018 saliranno in passerella in occasione della CNMI Fashion Hub Opening, il 17 settembre a partire dalle ore 20. La collezione SS 2020 dello stilista si intitola Dune ed è “un grido di allarme nei confronti della desertificazione del pianeta”. La donna di Calzolari si muove in un deserto post-industriale, tra suggestioni tribali e steampunk, ed è un’amazzone che non ha perso la sua anima romantica, vestita di tessuto di sughero ecologico, cotone organico GOTS certificato, cristalli Swarovski senza piombo, raso derivato da poliestere riciclato e materiali ultra high-tech ottenuti per upcycling di airbag esausti.

Un look della sfilata di Gilberto Calzolari.

Per tutti progetti del Fashion Hub Market, come più in generale per la Milano Fashion Week, la parola d’ordine è sostenibilità. Non solo in termini di rispetto della natura, ma anche delle persone, della loro cultura, delle loro tradizioni e del loro lavoro. L’aspetto sperimentale, innovativo e tecnologico, i concetti di re-cycling e soprattutto di up-cycling sono fondanti come e quanto l’approccio etico, aperto e condiviso.

Le presentazioni da segnare in agenda della MFW SS 2020

La Milano Fashion Week è un grande, eccezionale appuntamento all’insegna dello stile, del glamour e dell’innovazione e l’edizione dedicata alla Primavera/Estate 2020 non fa eccezione.

Nell’ambito delle presentazioni, il giovane designer Rocco Adriano Galluccio svelerà la nuova collezione del suo brand Alcoolique il 17 settembre, nello showroom di Green Wise. La proposta per la prossima stagione si chiama Rura Voluptas e si ispira ed è un omaggio alla natura e alla bellezza luminosa e romantica dei paesaggi campestri. I colori richiamano quelli della terra, del cielo, del sole, dell’acqua dei ruscelli, delle piante e dei fiori, mentre l’atmosfera bucolica è evocata attraverso l’uso di tessuti e materiali come jersey, tulle e paglia e con trasparenze, ricami e dettagli eleganti e ricercati.

Uno dei look della collezione SS 2020 Rura Voluptas di Alcoolique.

Il 18 settembre, dalle 16 alle 20, presso l’elegante spazio dell’Hotel Senato, in via Senato 22, sarà la volta dello stilista originario del Messico, Andrès Caballero, di mostrare la sua nuova linea prêt-à-couture, San Andrès Milano, che ha come focus la creazione di abiti su misura che valorizzano la femminilità e l’alto artigianato del Made in Italy. Colorata, elegante e piena di energia e di ottimismo, la collezione è un inno a una sensualità sofisticata ma non altezzosa e a una ricercatezza che non è semplice esercizio di stile ed è in tutto e per tutto una dichiarazione d’amore per le donne.

Nello stesso giorno, a partire dalle 17, è prevista anche l’inaugurazione del pop-up store Vestiaire Collective for the Green Carpet Fashion Awards presso Tearose Boutique, in Piazza Croce Rossa. All’evento saranno presenti il chairman di Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa, la fondatrice di Eco-Age, Livia Firth, e la co-fondatrice di Vestiaire Collective, Sophie Hersan.

Sempre il 18 settembre, dalle 19 alle 22, ci sarà anche l’evento Brazil Summer Fashion Milan, organizzato dal Consolato del Brasile e dallo Showroom Senato 13. I brand tutti al femminile e con DNA 100% brasiliano Água de Coco, Amanda Medrado, Matri, Room e Jenny Monteiro presenteranno le loro collezine SS 2020 in un’atmosfera tropicale, pensata per alleviarela sensazione di malinconia che accompagna alla fine dell’estate. Capi di bbigliamento, beachwear e accessori saranno protagonisti in una raffinata esplosione
di colori, profumi, sapori e musica tipicamente brasiliani.

Un look di Jenny Monteiro.

Alessandro Enriquez mostrerà la sua collezione SS 2020 il 19 settembre, dalle 11.30 alle 18, nello spazio di Illulian, in via Manzoni 41. La proposta dello stilista per la prossima bella stagione, New Eden, racconta di una giungla fantastica, in un mondo idilliaco, dove una coppia di innamorati vive in simbiosi con un carosello di creature reali e immaginarie. L’elemento chiave della collezione è la camiceria, alla quale si affiancano chemisier, trench e bomber, con pattern “selvaggi” e animalier che confluiscono in stampe e disegni digital, nel segno di cotone e tessuti in fibre naturali. Anche per la SS 2020, Alessandro Enriquez ha scelto di fare indossare i suoi capi a una serie di it-woman, ovvero Chiara Maci, Cristina Bugatty, Celeste Novembre, Michela Gattermayer, Beatrice Venezi, Maria Sole Cecchi, Letizia Castellini Baldissera, Giulia Taidelli e Laura Morino Teso.

Chiara Maci per Alessandro Enriquez.

Durante la Milano Fashion Week SS 2020, Cividini svelerà WOW, la nuova capsule collection uomo e donna realizzata in jersey e in maglia, che reinterpreta un capo iconico e transgenerazionale come la t-shirt con tecniche artigianali e un alto contenuto creativo e artistico. La proposta vuole rispondere alle nuove necessità della moda social e millennial ed è caratterizzata da grafiche liberamente ispirate a opere di artisti contemporanei e dipinte a mano dagli artigiani/artisti del team Cividini.

Un look della capsule colleztion WOW presentato da Cividini alla MFW SS 2020.

Come Cividini, anche Braschi ha scelto la Milano Fashion Week per presentare la Bohemian Collection. La capsule è una limited edition di pezzi iconici, con un animo leggero e rock senza dimenticare il suo DNA raffinato e aristocratico, che prende forma dall’unione delle pellicce (visone, zibellino e volpe) con tessuti inattesi (taffetà e seta, lana e passamanerie pregiate), arricchiti da lavorazioni preziose e distintive.

La Settimana della Moda di Milano farà da cornice anche alla presentazione della collezione Cividini per la Primavera/Estate 2020. Con la sua proposta per la prossima bella stagione, il designer vuole raccontare il movimento Mods degli anni ’70, mutuando la rivendicazione dei suoi aderenti a rifiutare qualsiasi abbigliamento convenzionale e a prediligere il bianco e nero e le fantasie optical. Il risultato sono capi dall’eleganza composta, accesi da bagliori di verde (salvia, pistacchio e muschio) e da tocchi di blush, zafferano e corallo.

Tra le presentazioni da segnare in agenda, c’è anche quella di Francesca Marchisio. Venerdì 20 settembre, dalle 9.30 alle 13 presso il Salotto di Milano in Corso Venezia 7, la stilista svelerà la collezione Oxymoron  e la capsule collection Waste&Precious: Upcycling Capsule. Oxymoron indaga il concetto di libertà e funzionalità a partire da uno studio architettonico articolato e concettuale che prende forma in proposte dal mood semplice e leggero, grazie a una sapiente modellistica e façon sartoriale. I protagonisti sono trench e caban in leggero cotone bicolor tipo Mackintosh decorati, abiti in tela paracadute dalle volumetrie importanti e e pantaloni over in versione iper-funzionale. L’alternativa concettuale è rappresentata dalla seta Habotai. Waste&Precious: Upcycling Capsule è una collezione all’insegna di una couture consapevole, realizzata con gli scarti dei tessuti ottenuti in fase di taglio. Caratterizzata da un alto tasso sartoriale, la capsule non solo crea bellezza a partire da ciò che verrebbe gettato, ma valorizza anche la sapienza artigiana e la creatività delle sarte che realizzano i capi. Infatti, la composizione delle macro-paillettes di tessuto cucite a mano con effetti tridimensionali sempre diversi è a loro completa discrezione. Il progetto di Francesca Marchisio è anche un inno alla unicità e un (con)tributo al valore del Made in Italy, che passa pure attraverso l’impiego di tessuti di fornitori italiani che operano secondo gli standard di trasparenza e qualità, impegnandosi a ridurre l’impatto ambientale nell’utilizzo di energia e nello smaltimento degli scarti.

Un look della collezione SS 2020 di Francesca Marchisio.

Nello stesso giorno, dalle 14 alle 19, nella boutique di Via Santo Spirito 14, è in calendario anche la presentazione della collezione SS 2020 de Il Bisonte. Per la nuova stagione, il celebre brand di borse e accessori punta sulla bellezza della semplicità e propone un lifestyle gioioso e rilassato. Le grandi novità sono tre. Il nuovo tessuto jacquard Bison Wave (da cui prende il nome lomonima linea di borse). La capsule di scarpe Easy-Breezy, composta da da due sneakers, due slip on e un sandalo in cuoio intrecciato. E la capsule collection firmata dall’architetto Alberto Maria Ficele, che celebra la vita all’aria aperta e lo sport en plein air.

Domenica 22 settembre è la volta di Eleventy di presentare la nuova collezione SS 2020. Il fil rouge della proposta per la prossima bella stagione è l’Africa, il suo mistero, la sua seduzione, le sue geometrie etniche, i bagliori e colori della savana, le sue contaminazioni culturali. I look sono sofisticati e pieni di calore e realizzati nel segno della ecosostenibilità e del rispetto per la natura. La vestibilità morbida e la leggerezza sono le due parole chiave del mood della collezione.

Sempre domenica 22 sarà presentata anche la collezione SS 2020 di Manuel Ritz. Ispirata a un ideale viaggio in giro per il mondo, la proposta per la prossima bella stagione è caratterizzata da una creatività dai dettagli forti e identitari e ha un mood forte e cosmopolita. Colori bold, nuance della terra e fantasie etniche si mescolano a sahariane in gabardina, micro paillettes a disco, frange, passamanerie sfrangiate e sangallo. I materiali protagonisti sono lino e cotone, tecno-tessuti, sirsacher, mentre la palette cromatica ha i suoi principali interpreti nel bianco e nel beige, accesi da sprazzi di arancione. L’it-piece del brand è il tailleur.

Un look della collezione SS 2020 Manuel Ritz.

Photo cover credits: Flaunter.com on Unsplash

Photo text credits: Flaunter.com on Unsplash

Photo courtesy per Alcoolique: Giorgio Innocenti & C.

Photo text courtesy per Sara Cavazza Facchini, Gilberto Calzolari, WOW by Cividini: Guitar

Photo credits per Jenny Monteiro: Duilio Piaggesi

Photo courtesy Chiara Maci per Alessandro Enriquez: Cup Studio

Photo courtesy per Francesca Marchisio: Studio Re Public Relations srl

Photo courtesy per Manue Ritz: Manifattura Paoloni Spa

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor, scrittrice e corrispondente estera di JunGlam.com, con alle spalle una carriera in aziende del lusso internazionale. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty, lifestyle e retail. Life coach professionista, con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur, é l'ideatrice di Retail Coach®, un marchio che garantisce consulenza strategica e corporate coaching alle aziende del lusso dedicate al servizio al cliente multicanale.

Lascia un commento