fbpx
Oroscopo

Qual è la pietra portafortuna del Leone e le sue caratteristiche

Scritto da Silvia Artana

Secondo l’astrologia e la cristalloterapia, ogni segno zodiacale può contare su una o più pietre portafortuna. E allora, quale o quali sono quelle del Leone?

A chi non è mai capitato di “buttare un occhio” all’oroscopo, anche se dichiara fermamente di non crederci? Vero o no, resistere alla tentazione di sapere cosa hanno da dire le stelle sul futuro e la personalità è molto difficile. E lo diventa ancora di più quando l’astrologia tira in ballo le “pietre portafortuna” dei segni zodiacali. Perché anche in questo caso, che ci si creda oppure no, la “dea bendata” è sempre la benvenuta.

E allora, quali sono associate al Leone e in che modo gli sarebbero utili?

L’identikit del Leone

Il Leone è il secondo segno d’estate, è governato dal Sole e ha come elemento il Fuoco. In altre parole, l’occupante della Quinta Casa è un concentrato di forza, energia e positività e ha un carisma innato che lo incorona “re dello Zodiaco” (del resto, non potrebbe essere altrimenti).

Il coraggio, la risolutezza e il fascino del Leone fanno del segno un leader capace, rispettato e fonte di ispirazione… e anche un amante appassionato e coinvolgente.

Le pietre portafortuna del Leone

Le pietre portafortuna del Leone sono caratterizzate da una colorazione intensa (per lo più nelle tonalità del giallo e del rosso) e da una grande luminosità. E secondo la cristalloterapia, avrebbero effetto sulla sfera fisica, emotiva e mentale dell’occupante della Quinta Casa.

Occhio di tigre

L’occhio di tigre è una varietà di quarzo che presenta inclusioni di un materiale chiamato crocidolite, che dona al materiale un effetto particolare noto con il nome di “gatteggiamento”, perché – ça va sans dire – ricorda gli occhi dei felini.
Viene associata al Leone perché si crede che aiuti a sviluppare autoconsapevolezza e a usare il potere con saggezza. Inoltre, si pensa che conferisca equilibrio e saggezza.

Ambra

L’ambra non è una pietra, ma una resina fossile. Viene prodotta dalle conifere e nel corso delle ere geologiche si solidifica fino ad assumere una forma simile a un cristallo. Spesso presenta inclusioni organiche di animali, vegetali e funghi.
In base alla cristalloterapia, migliora la capacità di pensiero e aumenta l’energia e per questo è considerata un talismano per l’occupante della Quinta Casa, che si trova spesso a rivestire posizioni di responsabilità.

Diamante

Il diamante è un cristallo trasparente composto di carbonio, che può assumere varie forme. In natura esiste in diversi colori e dimensioni.
È considerato una delle pietre portafortuna del Leone perché è ritenuto capace di aumentare la capacità di vedere con chiarezza.

Rubino

Il rubino è un ossido di alluminio e presenta una colorazione rossa che può variare da sfumature più delicate a più intense in base al contenuto di cromo.
L’astrologia e la cristalloterapia lo associano al segno governato dal Sole perché libera l’energia e favorisce la concentrazione e la forza di volontà.

Photo cover credits : Adobe Stock

Sull'Autore

Silvia Artana

Dopo la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie, ha conseguito un Master in Divulgazione Scientifica e ha mosso i primi passi nell'editoria occupandosi di scienza e tecnologia. Oggi scrive di moda, bellezza, benessere, lifestyle, cinema e TV per diversi magazine e testate digitali e svolge attività di copywriting, storytelling e ghostwriting online e offline.

Lascia un commento