fbpx
Celebrities Lifestyle

Antonio Marras, l’intervista per la PE 2017

Scritto da Patrizia Saolini

Lo stilista sardo presenta la sua prima collezione uomo-donna alla Milan Fashion Week, come vi raccontato qui. Nel backstage della sfilata Marras ha illustrato il motivo della sua scelta.

«Come non mai questa stagione ho pensato che fosse una grande opportunità far sfilare l’uomo e la donna, ma soprattutto l’uomo e la donna con gli stessi tessuti, quindi comunicare e cercare di realizzare veramente un unico universo, un unico progetto che coinvolgesse appunto l’uomo e la donna.»

Qual è il mondo in cui vivono le donne e gli uomini della tua collezione?

«Vivono in un’Africa un po’ sui generis, che è l’Africa di Malick Sidibè, fotografo del Mali che ritraeva coppie di giovani africani che negli anni ’50 e ’60 andavano a ballare nelle sale da ballo dopo aver preparato grandi acconciature, ma vestivano e ballavano musiche occidentali. Mi sembrava l’occasione per far dialogare altre discipline, la danza – in questo caso – e la fotografia con la moda, e soprattutto per raccontare che sia la musica che la moda possono essere elementi per abbattere i confini.»

Dunque in passerella cosa troviamo?

«Porto in passerella la mia visione dell’Africa e la visione del mondo. Io parlo di un universo globale e di qualcosa che vorrei definire ibrido-vestimentario: la commistione, la fusione, l’incastro, l’incrostazione, la sovrapposizione di elementi che arrivano da mondi, da realtà e da confini differenti per ricreare un nuovo linguaggio, un modo nuovo di comunicare.
Esattamente in questa collezione vedrete il finalissimo che è fatto di 40 abiti che sono fatti con elementi di recupero, quello che era veramente lo scarto delle lavorazioni, che è stato invece poi assemblato, ricamato, incrostato e messo insieme per ricreare esattamente 40 pezzi unici.»

Come si presentano le forme e i colori in questa collezione?

«Qui vedete il sunto delle stampe, dei colori: non è un’Africa stereotipata, in realtà racconto un’Africa un po’ più intima, un po’ più discreta e personale. Ci sono i toni del sabbia, del deserto, quasi della penombra con piccoli accenni di colore. Le forme sono un po’ se vuoi anni ’50 – riviste e corrette chiaramente – con incursioni verso altri stili e volumi molto larghi; ci sono tessuti abbastanza particolari, un lino che non è macchiato ma è mal tinto, un jeans che è stato decorato e che poi diventa un pizzo, c’è la commistione di stampe e di colori che insieme vengono mischiati, c’è l’uso di rouches e incrostazioni e jeans tagliati a vivo poi lavati e ricamati. Ogni capo ha in realtà molti passaggi perché poi mi possa piacere e possa ritenerlo concluso.
Ricorrono sicuramente le forme anni ’50, un po’ “signorina Balli”. C’era un film molto carino (“Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata”, ndr) dove Claudia Cardinale era seduta e arrivava Alberto Sordi che chiedeva “Signorina Balli”.»

E in testa alle modelle cosa hai voluto mettere?

«Non sono copricapi, ci sono le famose cofane anni 50 che James ha voluto ricreare ricordando appunto le foto di Malick dove queste donne si “coiffavano” in quella maniera.»

Dunque è incisivo dire che si tratta del primo show donna e uomo.

«Questa è la prima sfilata uomo-donna dove c’è una commistione di tessuti. C’è una performance di ballerini di colore. Questa potrebbe essere una strada, siccome non faccio programmi a lungo termine non posso prevedere o ipotizzare quello che sarà, adesso è così perché mi sembrava naturale che così fosse, poi vedremo cosa succederà.
Quello che volevo dire è che la musica allora e gli abiti facevano sì che i confini venissero abbattuti e ci fosse una commistione di culture e di razze. In questa maniera oggi come non mai ho provato nel mio piccolo facendo quello che faccio – facendo stracci – a far sì che la moda possa essere un linguaggio per comunicare e per poter provare ad abbattere confini.
Io nasco in un luogo dove sono arrivati tutti – turchi, arabi, spagnoli, francesi; sono il frutto di una stratificazione di culture. Io attingo da quello. È Africa ma ci potresti vedere le signorine di Osimo che andavano a ballare, ma anche quelle di Pordenone.»

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Giornalista, Chief Happiness Officer e Life Coach con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur. É autrice di quattro libri sul retail coaching e l'ideatrice del marchio Retail Coach®. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.

Lascia un commento