fbpx
Eros

Cosa fare quando si viene lasciati

Scritto da Sara Areni

Essere lasciati e/o soffrire per amore capita più o meno a tutti almeno una volta nella vita. Attraversare la delusione d’amore di quando si viene lasciati non è cosa semplice per nessuno, è un dolore profondo.

E’ un dolore profondo che deriva dal sentirsi ‘abbandonati‘ e molte volte anche ‘falliti’ poichè sentiamo come di aver subito una sconfitta.

Molte volte però questo dolore può servire, può servire a ripartire ma soprattutto può essere uno stimolo per iniziare a prenderci cura di noi stessi a 360 gradi ed iniziare una nuova vita.

Sicuramente, per chi sta attraversando una delusione d’amore queste sono cose più facili a dirle che a metterle in pratica, ma ecco qualche consiglio ( non regola ) da seguire per cercare di ripartire quando si viene lasciati.

Non sentirti fallito/a

Essere lasciati non significa aver fallito. Quando si viene lasciati non bisogna pensare di essere sconfitti, ma bisogna accettare il fatto che nella vita tutto può cambiare, quindi la vita da quel momento non è finita e non è fallita.

Se la vita di coppia è terminata non vuol dire che è terminato anche tutto ciò che riguarda noi stessi, singoli individui.

Tutte le nostre qualità, i nostri pregi, la nostra bellezza interiore ed esteriore sono la nostra vera vittoria, ed è tutto ciò che noi possiamo sempre valorizzare per sentirci sempre dei vincitori, con o senza partner.

Non metterti in disparte

Quando si viene lasciati è solito commettere l’errore del mettersi in disparte, o meglio, isolarsi. Quando si attraversa il dolore solitamente non si ha più voglia di far nulla; non si ha voglia di uscire, di stare con gli amici, ma anche in casa nella maggior parte dei casi ci si isola nella propria camera.

In quei momenti non si ha voglia più di far nulla, nessuna attività, si perde ogni stimolo e ci si riduce a fare solo quello che siamo obbligati a fare, come ad esempio andare a lavoro.

Forse questa ‘apatia‘ può essere valutata anche come un fattore buono, ma solo se appare nel periodo iniziale del dolore e termina in poco tempo. Fattore buono perchè isolarsi i primi giorni dopo la delusione può aiutare a prendere a pieno consapevolezza dell’accaduto più facilmente per poi iniziare a reagire.

Quindi, è importante anche l’isolamento, ma affinchè sia per un periodo molto breve di ‘riflessione’ tra se stessi per ricominciare subito a vivere!

Non legarti a false speranze

Un altro errore che si commette più comunemente quando si viene lasciati è aggrapparsi a false speranze.

Quando il nostro partner decide di lasciarci è nostro solito credere e sperare che probabilmente “è solo un suo periodo ma mi ama ancora” “tornerà da me” “sicuramente capirà di aver sbagliato”.

Si, questo può essere possibile, ma raramente.

Se si viene lasciati è perchè l’altra persona ha deciso di continuare la sua vita senza di noi, e non c’è nessun altra giustificazione alla quale potersi aggrappare.

Passare le giornate nella speranza che il nostro o la nostra ex torni da noi e quindi trascorrere ogni ora del giorno aspettando quel momento che probabilmente non arriverà mai non è altro che un male per noi stessi.

Non sottovalutarti

Quando si viene lasciati la prima a risentirne è la nostra autostima. Non c’è errore più grande che si possa fare di sentirsi ‘niente’ senza una persona accanto.

E’ importante ricordare sempre il proprio valore a prescindere se si è soli o se si ha un partner, e qualora il partner dovesse ‘andar via’ non dovrà la nostra autostima andare via con lui/lei.

Ricorda che se sei stato lasciato/a è solamente la fine di una relazione, non la fine del mondo.

Sull'Autore

Sara Areni

Junior Social Media Manager e Copywriter.
Continua a studiare Social-media marketing e Web Marketing.

Lascia un commento