fbpx
Fashion

Elisabetta Franchi Primavera/Estate 2019 alla Milano Fashion Week

Elisabetta Franchi SS 19
Scritto da Patrizia Saolini

La fantasia si fonde con la realtà nella collezione “Vesto il mio sogno” presentata da Elisabetta Franchi alla Milano Fashion Week Primavera/Estate 2019. In una dimensione magica e surreale, dove le regole sono stravolte, gli elementi tradizionali diventano non convenzionali e stravaganza e femminilità si mescolano in un gioco seducente.

È una dimensione onirica, magica e surreale, a fare da ispirazione e cornice alla collezione “Vesto il mio sogno”, presentata da Elisabetta Franchi alla Milano Fashion Week Primavera/Estate 2019. In un gioco fantastico in cui le regole sono stravolte, la stilista ha mandato in passerella una serie di capi seducenti e femminili, che raccontano una donna sognante e in armonia con il suo spirito sbarazzino.

La collezione Elisabetta Franchi alla Milano Fashion Week PE 2019

La donna Primavera/Estate 2019 di Elisabetta Franchi si muove in una dimensione onirica, in cui la fantasia si fonde con la realtà, stravolgendo le regole del gioco e prendendo forma in materiali di peso e consistenza diversi e in una palette di colori vivace e sfaccettata.

Elisabetta Franchi SS 2019

Il sogno e il fantastico sono il fil rouge della collezione Elisabetta Franchi SS 2019.

Come accade nei sogni, ciò che è conosciuto e consueto diventa nuovo e stravagante. Gli elementi tradizionali assumono forme originali e i tessuti si fondono in combinazioni inedite. Tweed, denim, tulle, naplak e dettagli in materiali plastici si uniscono, si affiancano e si sovrappongono in capi dalle linee fluide, in maxi gonne movimentate da balze che creano volumi importanti.

Nel gioco onirico e sensuale di Elisabetta Franchi, il colore ha un ruolo primario. Bouganville, peonia e acquamarina disegnano abiti sognanti e seducenti, con motivi che ricordano cieli illuminati da infiniti riflessi, ricami che si scompongono in molteplici sfumature che sembrano fuochi d’artificio, maxi paillettes che assomigliano a cascate di coriandoli dalle tonalità quasi fluo.

Stampe maculate e con lettering ispirato ai dadi alfabetici completano il racconto cromatico della collezione, con un mood sensuale e sbarazzino declinato in vestiti bon ton, in sexy tailleur e long dress da sera.

Elisabetta Franchi SS 2019

La stampa lettering ispirata ai dadi alfabetici è uno dei motivi della collezione Elisabetta Franchi SS 2019.

L’ispirazione fantastica e surreale è il fil rouge anche degli accessori e dei gioielli della collezione Primavera/Estate 2019. Le borse – piccole, grandi, a mano, a tracolla – in PVC imbevute di vernice e le colorate scarpe laminate, che ricordano bonbon e caramelle, contribuiscono alla seducente rappresentazione della femminilità portata in passerella dalla stilista.

Allo stesso modo, gli orecchini dalle forme giocose e inedite di robot, boccette di profumo e rossetti raccontano una donna sbarazzina e giocosa, che indossa letteralmente il proprio sogno.

Accessori Elisabetta Franchi SS 2019

Gli accessori della collezione Elisabetta Franchi SS 2019 sono seducenti, giocosi e fantastici.

L’atmosfera del sogno torna anche nel make up con labbra in primo piano curato da Diego dalla Palma e nel motivo del doppio, con piccole modelle che indossano repliche in versione petit di capi iconici della collezione per la linea “La mia bambina”.

Elisabetta Franchi SS 2019

La linea “La mia bambina” della collezione Elisabetta Franchi SS 2019.

Photo courtesy: Negri Firman PR & Communication

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Life coach professionista, con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur, é l'ideatrice di Retail Coach®, un marchio che garantisce consulenza strategica e corporate coaching alle aziende multicanali. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.

Lascia un commento