fbpx
News

Rovazzi non fa il tormentone: ecco cosa è successo

Scritto da Jessica Di Camillo

Fabio Rovazzi, il cantante famoso dal 2016 con la canzone “andiamo a comandare”, ha deciso che l’estate del 2020, non uscirà nessun pezzo né scritto e né cantato da lui. Durante questo periodo suo nonno è morto a causa del virus. Ecco cosa ha detto:

La quarantena è stata un periodo buio non solo per l’assenza di stimoli ma per altri eventi drammatici che mi sono accaduti. La mia musica e i miei video sono sempre frutto delle sensazioni che vivo e quindi non mi sarebbe venuto un pezzo allegro. La gente adesso ha bisogno di vibe positive. Se ci avessi provato sarebbe uscito qualcosa di finto e la gente se ne sarebbe accorta.

Ha continuato:

La situazione nelle RSA era drammatica. Ho vissuto mesi brutti combattendo contro cose assurde. Avrei potuto fare un post di divisione e attacco. Non l’ho fatto per rispetto del nonno e per non sporcare il nostro rapporto. Con i giorni ho capito che cercare il colpevole per una cosa imprevedibile come questa non era utile.

Inoltre, avendo avuto contatto con questo virus, conclude dicendo contro quelli che negano la presenza del virus:

Il caso dei gilet arancioni in piazza Duomo mi ha stupito. Non per le persone che ci sono andate ma per l’autorità che non si è fatta sentire. E quando qualcuno dice che il coronavirus non esiste lo prendo di petto. Impazzisco. Ho vissuto una tragedia da vicino.

Cover photo on Instagram

Sull'Autore

Jessica Di Camillo

Studiosa di Scienze Umane, esperta nel retail online.
Sta perfezionando i suoi studi in ambito della formazione.
Newser di Gossip su Junglam.

Lascia un commento