fbpx
News

Pietro delle Piane tradisce Antonella Elia a Temptation Island 2020

Scritto da Jessica Di Camillo

Nella quarta di puntata di Temptation Island inizia subito facendo vedere come protagonisti Antonella Elia e Pietro delle Piane. Tutte le coppie rimaste sono quelle più complicate di questa edizione.

La Elia comincia a sentire tramite il video quale parare ha il suo compagno verso di lei. Quello che ha detto Pietro è stato veramente rigido, in quanto ha affermato:

Quando io le dico che sono triste perchè mi manca mio figlio proprio non mi capisce! E’ egoista, tipico di chi non ha figli. Anzi mi ha proprio detto ‘Se sei malinconico è meglio se non torni’. Quello che non capisco è che una come lei, con il passato che ha avuto lei perdendo i genitori, possibile non capisca?

La Elia dopo aver udito queste parole ha subito risposto:

Sai che ti dico? Spero si fidanzi con quella ragazza. È perfetta per lui. Io a differenza vostra sono contenta che lui venga fuori per quello che è, almeno lo vedono tutti​.

Durante il falò, inoltre, la donna scopre che il suo compagno l’ha tradita con una ragazza single Beatrice. Infatti, l’uomo racconta della sua piccola avventura al suo coinquilino Lorenzo. Pietro delle Piane però, è certo di aver ingannato le telecamere, ma in realtà non solo lo stava raccontando al suo compagno di stanza ma a tutta Italia.

Pietro ha detto:

L’ho baciata

Lorenzo subito gli ha risposto:

Ma sei scemo? Ci sono le telecamere! Che ca**o hai fatto. Falla finita, troncala!

Le uniche tre parole che dice la Elia sono:

Mi fa schifo!

Dopo di che il falò viene sospeso perché Filippo Bisciglia chiede ad Antonella di rivedere il video per capire meglio le parole del suo compagno. La donna torna nella casetta per riguardare con tranquillità il video che mostra la conversazione in codice tra Lorenzo e Pietro.

Cover photo on Instagram

Sull'Autore

Jessica Di Camillo

Studiosa di Scienze Umane, esperta nel retail online.
Sta perfezionando i suoi studi in ambito della formazione.
Newser di Gossip su Junglam.

Lascia un commento