fbpx
Week

Le sfilate più belle della Milano Fashion Week Primavera/Estate 2019

Le sfilate più belle direttamente dalle passerelle della Milano Fashion Week Primavera/Estate 2019!

60 sfilate, 80 presentazioni e 44 eventi: questi sono i numeri del calendario della Milano Fashion Week Primavera/Estate 2019. Dal 18 al 24 settembre Milano Moda Donna animerà il capoluogo lombardo con debutti e novità assolutamente da non perdere.

La perfezione neoclassica di Alberto Zambelli

Alberto Zambelli Primavera-Estate 2019

Photo courtesy Alberto Zambelli press office

Levigati come il marmo, così bianco eppure mai uguale a se stesso. Mutevoli e incontaminati, puri come la natura lavorata fino all’essenzialità delle sculture neoclassiche di Antonio Canova. La collezione Primavera/Estate 2019 di Alberto Zambelli, andata in scena alla Milano Fashion Week, è pensata e disegnata per celebrare il bianco in tutte le sue sfumature.

La perfezione delle anatomie e la misura dei gesti tipici della grande arte settecentesca si riverbera nella sartorialità dei volumi e delle forme, a uovo, a tunica, a kimono, e nelle strutture che i tessuti rendono libere, esaltate dal bianco e dai suoi riflessi quasi argentei, lunari.

Alberto Zambelli P-E 2019

Photo courtesy Alberto Zambelli press office

Il total white nelle sue declinazioni del bianco gesso e del bianco calce è, insieme al silver e alle stampe delle grandi anatomie del Canova, predominante nella collezione Primavera/Estate 2019 del designer. Ai piedi delle modelle in passerella sandali samurai e calze in lattice, mentre l’essenza della perfezione geometrica è ripresa nella sfera in marmo delle collane girocollo e del mono orecchino.

Maryling, il paradiso terrestre nel cuore del Mediterraneo

Maryling Primavera-Estate 2019

Ph. Elena Sconfietti

Island Escape, la collezione Primavera/Estate 2019 di Maryling, è una vacanza sofisticata e lussuosa tra i paesaggi e i colori della Grecia. Dal cuore del Mar Mediterraneo sorge una dea contemporanea che fonde la creatività innovativa di Antoni Gaudí all’estetica teutonica di Claudia Schiffer: dall’incontro di due anime apparentemente inconciliabili nasce una sinergia travolgente e inedita.

Maryling P-E19

Ph. Elena Sconfietti

Le proporzioni, architettonicamente studiate nelle proporzioni, nelle forme e nei volumi, si avventurano in uno sperimentalismo sinuoso mitigato dalla classicità. I tessuti catturano l’essenza di una vacanza audace e luminosa come la tavolozza dei colori, pieni e intensi: blu oceano, rosso vivo e giallo tenue.

L’amante virtuale di Ricostru Primavera/Estate 2019

Ricostru SS19

Photo courtesy cameramoda.it

Nell’immaginazione di Rico, la designer di Ricostru, l’amore è virtualmente caratterizzato da quattro stati mentali. Per raccontarli, la stilista adopera il linguaggio della moda e li traduce nella sua collezione Primavera/Estate 2019.

Questa misteriosa amante si veste di rosa, un colore che sa di primavera, e lo accosta al pizzo, alla pelle eco-friendly e ai tessuti di ispirazione sportiva. I fit aderenti degli abiti la abbracciano e la decostruiscono, rendendo la sua forma non facilmente distinguibile.

Ricostru SS19

Photo courtesy cameramoda.it

La catena, che percorre tutta la collezione di Ricostru, è simbolo dell’amore, di legame ma anche di libertà. Ed è la catena che funge da fil-rouge percorrendo tutta la collezione: cinge la vita delle modelle, si disegna sugli abiti percorrendoli dal collo all’orlo, accompagna la rappresentazione grafica di un elettroencefalogramma, si avvolge su se stessa e diventa un fiore metallico, un gioiello simile a una spina.

L’immaginazione di Ricostru si muove attraverso i temi della sci-fi, si interroga sulle intelligenze artificiali, cerca la risposta alla domanda sul futuro dell’amore quando tutto intorno è virtuale.

Daizy Shely Primavera/Estate 2019: la moda come terapia

Daizy Shely SS19

Photo courtesy Daizy Shely press office

Per la sua collezione Primavera/Estate 2019, Daizy Shely ammette di non aver voluto seguire un’unica ispirazione, ma di essersi lasciata andare a una sorta di flusso coscienza, portando sulla passerella della Milano Fashion Week una sintesi di tutto ciò che la stilista israeliana ama della moda, il processo creativo che, come in una terapia, svuota la mente e le permette di spaziare in nuovi territori.

A tenere insieme le suggestioni, il desiderio che le “sue” donne si sentano bellissime, invincibili e protette contemporaneamente. Per ottenere ciò, gli abiti fluttuano intorno ai corpi con leggerezza o si strutturano in linee e pattern più maschili come il gessato classico.

Daizy Shely SS19

Photo courtesy Daizy Shely press office

Il rosa, il lilla, il topazio, il verde acqua e l’azzurro della palette fanno da supporto alle stampe nate dalla consolidata collaborazione con l’artista Umberto Chiodi: anthurium e orchidee dall’aspetto quasi psichedelico, con l’anthurium che ritorna anche negli accessori, quasi “annodato” al collo con le sue foglie a forma di cuore.

Tagli vertiginosi caratterizzano la maglieria, mentre la stampa di una spada che trafigge un’anguria dipinge i capi streetwear di uno spirito ironico e fantastico. Infine gli abiti dedicati alle occasioni serali risplendono di catene di cristalli e perline e applicazioni floreali.

Il mondo magico di Vivetta Primavera/Estate 2019

Vivetta SS19

Photo courtesy Vivetta press office

Un “invito al gioco”, un mondo in cui “non manca mai il lieto fine”: così Vivetta Ponti descrive la sua collezione Primavera/Estate 2019 che ha portato sulla passerella della Milano Fashion Week un sogno stravagante ed eccentrico colorato di tinte pastello.

Il mondo incantato e un po’ infantile di Vivetta è popolato di cigni e macramè, di farfalle e tulle, di frange di perle e piume e gonne di taffetà che sembrano emerse da una fiaba popolata di principesse e fate che riescono a evitare un’eccessiva leziosità grazie all’ironia pop dei colori, degli arcobaleni che si sviluppano da rose stilizzate di un rosso acceso.

Vivetta SS19

Photo courtesy Vivetta press office

Ironia che si ritrova nei completi di nappa dal sapore western e nelle stampe psichedeliche ispirate alle grafiche anni Settanta di Peter Max, nella teatralità delle gonne, vaporose come meringhe e nelle camicie maschili che diventano abiti avvolgendosi attorno ai fianchi e con le maniche trasformate, come da un incantesimo, in frange.

La Primavera/Estate 2019 military chic di Cividini

Cividini SS19

Photo credits Elena Sconfietti

L’amore, la nostalgia, gli immensi spazi africani raccontati per immagini da Sidney Pollack nel film del 1985 La Mia Africa ispirano Miriam e Piero Cividini per la loro collezione Primavera/Estate 2019.

Capi morbidi e leggeri, sovrapposizioni per resistere all’afa ma in chiave military chic, le gonne a pieghe sciolte e gli abiti si indossano insieme ai leggings, le giacche sono strette in vita e gli spolverini scivolano, quasi impalpabili, sul corpo.

Cividini SS19

Photo credits Elena Sconfietti

I pois punteggiano la collezione diventandone protagonisti insieme ai grandi quadri e alla stampa camouflage che accentua ulteriormente l’ispirazione coloniale di questa collezione.

La donna romantica e contemporanea di Alberta Ferretti

Alberta Ferretti SS19

Photo courtesy cameramoda.it

Pensata per una donna che desidera abbinare eleganza e raffinatezza anche ai momenti più casual, la collezione Primavera/Estate 2019 di Alberta Ferretti, andata in scena alla Milano Fashion Week, è ancora una volta una parata di stelle: Kaia Gerber, Vittoria Ceretti, Kendall Jenner, Gigi e Bella Hadid hanno sfilato incarnando una femminilità dai colori tenui e dalle linee comode.

Alberta Ferretti SS19

Photo courtesy cameramoda.it

In passerella, più richiami al workwear di quanto siamo di solito abituati a vedere nelle collezioni della designer romagnola: tute ampie, pantaloni dall’aspetto utilitary, giubotti multi-tasche, salopette e camicie di jeans. L’inconfondibile stile Ferretti si affacciava nel sangallo dei top e nella palette dei pastelli delicati del blu, del rosa e del verde culminanti nelle tinte desertiche del beige.

A chiudere la sfilata, una teoria di abiti da sera monocolore nero che riprendevano i capi dedicati al daywear nel pizzo sangallo e nelle lavorazioni crochet.

La caleidoscopica collezione Primavera/Estate 2019 di Emporio Armani

Emporio Armani SS19

Photo courtesy cameramoda.it

Una location insolita, l’aeroporto di Linate, quella scelta da Giorgio Armani per presentare la collezione Primavera/Estate 2019 Emporio Armani durante la Settimana della moda milanese.

Emporio Armani SS19

Photo courtesy cameramoda.it

Accanto alle tonalità neutre e al beige tanto amate da Re Giorgio, in passerella sfilano il verde lime, il blu elettrico e il rosa acceso, moltissime paillettes e soprattutto frange a dare movimento agli abiti da sera.

Emporio Armani SS19

Photo courtesy cameramoda.it

Tra gli oltre 200 look c’erano tessuti dall’aspetto stropicciato come il lino delle gonne e il cotone dei pantaloni a vita alta e dei trench e ovviamente le giacche, immancabili in una collezione firmata Armani.

Protagoniste le silhouette morbide e i tessuti fluttuanti, una collezione Emporio Armani con un tocco sportivo ma dall’anima più elegante e meno street.

I nuovi impatti visuali di Beatrice B

La collezione Spring/Summer 2019 di Beatrice B esplora un nuovo codice cromatico in cerca di eclettici accostamenti capaci di dar forma all’universo poliedrico della designer. A partire dall’intramontabile bianco e nero la palette si accende con colori brillanti come il lilla e il citrus, andando a intensificarsi nelle tonalità dell’orange stamina, del viola e del verde su total look grintosi ed eleganti insieme.

Courtesy Beatrice B press office

Anche i pattern geometrici vengono interrotti da accenti di colori vibranti e si alternano a stampe zebrate e micro maculate dal gusto tribal-chic. Le silhouette lineari e fluide sono enfatizzate da sinuose frange e stampe foulard vintage, cui si accostano completi in pelle e total look in misto lino o denim per un armonioso contrasto di forme scivolate e volumi oversize. Ad arricchire la collezione con un mood glamour e super iconico, gli outfit in paillettes luminosissime che scaldano un abito e una gonna in fierce magenta con bagliori quasi olografici.

Courtesy Beatrice B press office

Le tasche giganti di Fendi Primavera/Estate 2019

Fendi SS19

Photo courtesy cameramoda.it

Una donna impegnata che ha necessità di vestiti pratici quella di Fendi sulla passerella della Milano Fashion Week Primavera/Estate 2019. L’utility e lo sport, ma con il tocco chic di Karl Lagerfeld a temperare qualsiasi “deriva” street e con tasche giganti (GP “giant pockets” è anche il nome della collezione) a fare da trait d’union tra capi anche molto diversi tra loro.

Fendi SS19

Photo courtesy cameramoda.it

E allora le tasche sono protagoniste inaspettate sulle bluse a collo alto o gonfiano i fianchi degli abiti, ma danno origine a una raffinata fusione tra sportivo e sartoriale anche laddove è prevedibile trovare delle tasche come sulle giacche, sui cappotti, sui pantaloni cargo e sull’impermeabile trasparente bordato di pelle che ha aperto la sfilato indossato da Adwoa Aboah, con le giant pockets temperate nel loro mood sportivo da candidi volant bianchi.

Fendi SS19

Photo courtesy cameramoda.it

La praticità si è ritagliata un ruolo da protagonista anche sulle borse con Baguette di dimensioni maggiori e Peekaboo con tasche esterne a misura di cellulare.

Gli eventi della la Settimana della Moda Primavera/Estate 2019

FLASH MOB Frette

Il flash mob Frette in Piazza della Scala

Come sempre, anche per la stagione Primavera/Estate 2019 alle sfilate e alle presentazioni della Settimana della Moda si affiancano numerosi eventi collaterali.

In occasione della riapertura del negozio di via Manzoni 11, Frette organizzerà una serie di manifestazioni. Dal 18 al 24 settembre uno speciale tram brandizzato percorrerà le vie di Milano da piazza Castello a Piazza della Scala, con “capolinea” davanti alla storica boutique. I passeggeri saranno coinvolti in divertenti giochi e potranno ritirare dei gadget pensati per l’occasione. Inoltre, il 18 e il 19 settembre, 30 ballerini saranno impegnati in un flash mob a suon di musica.

Grandi festeggiamenti il 18 alla Rotonda della Besana per il party degli 80 anni di Grazia. L’evento conclude una serie di iniziative che si sono svolte nel corso dell’anno e culminerà con uno show ispirato al made in Italy, alla creatività, all’internazionalità, all’eleganza e alla sostenibilità, tutti elementi che fanno parte del DNA del magazine.

Anche Converse parteciperà in grande stile agli eventi delle Milano Fashion Week: giovedì 20 settembre lo Spazio Maiocchi vedrà il debutto di Converse x Carhartt WIP One Star, tre reinterpretazioni della sneaker One Star ispirate allo stile militare.

Cover photo Elena Sconfietti and Marco Sacchi for Junglam.com

Sull'Autore

Irene Lodi Rizzini

Coordinatrice della redazione di Junglam, esperta di moda e laureata in letteratura, collabora con Junglam fin dagli esordi, proseguendo l’esperienza di editing e coordinamento in redazione maturata in molteplici anni di lavoro sul web.

Lascia un commento