fbpx
Fashion

London Fashion Week FW 2018-19: tutto quello che c’è da sapere

Scritto da Francesca Merlo

Dal 16 al 20 febbraio 2018, la Fashion Week di Londra ospita sfilate ed eventi all’insegna di una moda sempre più sostenibile e green.

Dal 16 al 20 febbraio prende il via la London Fashion Week per la stagione Autunno Inverno 2018-19. Da quest’anno tra le novità si segnala la presenza di Delpozo che ha deciso di presentare la sua collezione nella capitale inglese abbandonando New York.

Ma non è l’unico designer a compiere una scelta di questo tipo. Anche Victoria Beckham, infatti, dalla prossima stagione sarà il nuovo nome in calendario alla London Fashion Week, abbandonando così la Grande Mela. La stilista inglese ha dichiarato di voler celebrare i 10 anni dalla nascita del marchio con un “ritorno a casa”.

A Londra è sempre più al centro dell’attenzione la moda conscious e sostenibile, con i protagonisti del fashion system sempre più coinvolti nel dibattito sul climate change. In prima linea come sempre Vivienne Westwood, portabandiera del movimento Positive Fashion, insieme al British Fashion Council e al sindaco di Londra Sadiq Khan. Uno degli impegni più impellenti è portare tutti i brand a rivolgersi a fornitori di energia green entro il 2020, in comunione con gli accordi di Parigi, dando vita alla campagna Fashion SWITCH.

One last glance from Vivienne #DontGetKilled #VWAW1819

Un post condiviso da Vivienne Westwood (@viviennewestwood) in data:

Londra non è comunque immune dalla “fuga” dei designer che sembra contaminare un po’ tutte le grandi capitali della moda, segno che sta radicalmente cambiando il modo di percepire e fruire il sistema moda stesso. Topshop ha infatti dichiarato piuttosto all’improvviso di ritirarsi dalla London Fashion Week, un’assenza che pesa nel bilancio complessivo dato che il brand, ora in crisi, aveva presenziato ogni stagione dal 2005.

Ma la più grande sorpresa arriva da Kate Middleton, al suo debutto a una fashion week con un progetto speciale creato in collaborazione con Livia Firth e con il suo marchio Eco-Age, all’insegna quindi della moda green ecosostenibile. Il progetto prevede di riunire 31 designer del Commonwealth tra cui Stella McCartney e Burberry a rappresentare la Gran Bretagna, dalle icone della moda british ai talenti emergenti, per dare vita a una collezione eco-friendly, le cui creazioni saranno esposte il 19 febbraio a Buckingham Palace. Al vernissage del 22 febbraio erano presenti ospiti illustri, tra cui Anna Wintour, Edward Enniful, la stessa Livia Firth, Nadja Swarovski, Neelam Gill, Naomi Campbell, Stella McCartney, Adwoa Aboah e Caroline Rush.

Da lì, dopo l’inaugurazione, la mostra è stata trasferita all’Australia House di Londra, dove sarà possibile per tutto il pubblico ammirare i 53 abiti sostenibili provenienti da tutto il Commonwealth fino al 6 marzo.

Per questo progetto non è mancato il contributo dell’Italia: l’azienda Bonaveri ha infatti realizzato i manichini biodegradabili con una bioplastica brevettata derivata dalla canna da zucchero.

LONDON, ENGLAND – FEBRUARY 22: A dress is displayed at the VIP preview of the Commonwealth Fashion Exchange exhibition at the High Commission of Australia on February 22, 2018 in London, England.
Pic Credit: Dave Benett

Sull'Autore

Francesca Merlo

Ha un dottorato in filosofia, ma ha deciso di dedicarsi al mondo della comunicazione. Scrive come editor per importanti testate con focus su beauty, fashion e lifestyle, realizzando anche progetti di branded content.

Lascia un commento