fbpx
Fashion

Altaroma Summer Edition 2018: riflettori accesi su Who Is On Next?

Scritto da Patrizia Saolini

Ad Altaroma 2018 torna Who Is Next. Sabato 30 giugno saranno decretati i vincitori per le categorie Abbigliamento e Accessori del contest internazionale dedicato ai talenti emergenti che vantano già una propria produzione nel Made in Italy.

Per una settimana, la moda è protagonista assoluta nella Capitale con Altaroma Summer Edition 2018. La manifestazione è un importante palcoscenico per il Made in Italy e con il passare degli anni ha consolidato la sua posizione di trampolino di lancio per i nuovi talenti e i designer emergenti con i due appuntamenti Showcase e Who Is On Next. Il primo è una vetrina per facilitare l’incontro tra stilisti e buyer, mentre il secondo è un vero e proprio progetto di scouting.

Organizzato in collaborazione con Vogue Italia e con il contributo speciale del Ministero dello Sviluppo Economico e dell’Agenzia ICE , il contest è giunto alla 14esima edizione e il 30 giugno vedrà una giuria altamente qualificata decretare due vincitori per le categorie Abbigliamento e Accessori all’interno di una rosa di 9 finalisti.

I vincitori

La 14esima edizione di Who Is On Next? si è conclusa con un ex aequo. Nella sezione Abbigliamento, la giuria composta da diverse prestigiose personalità del mondo della moda ha deciso di assegnare il Premio Franca Sozzani a pari merito a MRZ di Simona Marziali e MTF di Maria Turri Ferro.

Alcune creazioni di MRZ presentate a Who Is On Next.

Di MRZ ha colpito la decisione di promuovere la tradizione della maglieria italiana, aggiornandola in un’ottica moderna, leggera, divertita e divertente. Invece, MTF ha conquistato i giurati con il suo stile che non si lascia guidare dalle tendenze effimere del fashion, ma afferma la propria unicità affondando le sue radici nell’artigialità.

Alcune creazioni di MTF presentate a Who Is On Next.

Nella sezione Accessori, il Premio Franca Sozzani è stato assegnato al brand di occhiali Delirious Eyewear di Marco Lanero, per lìapproccio intelligente e sostenibile del designer nei confronti dei materiali e della valorizzazione dell’eccellenza del Made in Italy.

Alcune creazioni di Delirious Eyewear a Who Is On Next.

La giuria

La giuria di Who Is On Next 2018.

La giuria di Who Is On Next 2018 è composta da 21 personalità di primo piano del mondo della moda.

Le istituzioni sono rappresentate dal Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa, dalla Presidente di Altaroma, Silvia Venturini Fendi, dalla Fashion Expert e Talent Scout “Who Is On Next?” di Altaroma, Simonetta Gianfelici, dall’Amministratore Delegato di Pitti Immagine, Raffaello Napoleone, e dalla Strategic Consultant del British Fashion Council, Anna Orsini.

L’editoria è presente con il Direttore di Vogue Italia, Emanuele Farneti, con il Vice Direttore di Vogue Italia – Progetti Speciali e Head of Vogue Talents, Sara Sozzani Maino, con l’Archive Editor di Vogue.com, Laird Borrelli Persson, con il Contributing Style Editor British di Vogue e Contributing European Editor di W, Gianluca Longo, e con la Blogger/Founder di Style Bubble, Susanna Lau.

Per l’industria e la distribuzione partecipano l’Owner di Sugar, Beppe Angiolini, l’Owner di Penelope, Roberta Valentini, il Creative Talents Manager di LVHM, Manuela Brini, il Fashion Coordinator di Max Mara, Laura Lusuardi, il CEO di Luisa Via Roma, Andrea Panconesi, il Managing Director di 10 Corso Como New York, Averyl Oates, il Designer di MSGM, Massimo Giorgetti, l’Executive Director of Strategy and Development e il Chief Commercial Officer di Tomorrow Ltd., Alfredo Canducci Pais Ferreira e Giancarlo Simiri, il Founder di Eyes On Talents, Floriane De Saint Pierre, e l’Head Hunter di Value Search, Lory Yedid.

I premi

Who Is On Next 2018 prevede molti, prestigiosi e utilissimi riconoscimenti.

Il principale, realizzato in collaborazione da Altaroma, Vogue Italia, Camera Nazionale della Moda Italiana e Pitti Immagine e assegnato ai vincitori delle sezioni Abbigliamento e Accessori, è il Premio Franca Sozzani. Nello specifico, Altaroma e Vogue Italia riconosceranno ai vincitori un premio in denaro e due incontri di orientamento e sostegno con esperti delle rispettive organizzazioni. Invece, Camera Nazionale della Moda Italiana offrirà al vincitore della sezione Abbigliamento la possibilità di presentare la propria collezione a Milano Moda Donna Settembre 2019, mentre a quello della sezione Accessori darà l’occasione di esporre le sue creazioni nel Fashion Hub Market. Infine, Pitti Immagine riconoscerà a entrambi i vincitori il premio Pitti Tutorship, ovvero una collaborazione di sei mesi per supportare il consolidamento del brand.

Gli altri riconoscimenti di Who Is Next 2018 sono il Penelope Prize di Roberta Valentini e i premi di Coin Excelsior e Sugar e Sugar.it, che saranno assegnati ai finalisti più meritevoli della manifestazione in base a requisiti di creatività e innovazione e consentiranno ai vincitori di vendere e/o esporre le loro collezioni nei punti vendita dei brand e in appositi trunk show.

Infine, il Premio Tomorrow consentirà a uno dei finalisti di esporre la propria collezione nello showroom di Parigi del marchio in occasione della Woman Fashion Week di Settembre 2018.

I finalisti

I vincitori di Who Is On Next 2018: MRZ e MTF Maria Turri per l’Abbigliamento e Delirious Eyewear per gli Accessori.

I finalisti di Who Is On Next 2018 sono 9, suddivisi nelle due categorie Abbigliamento e Accessori.

Abbigliamento

  • Angelia Ami
    Classe 1993, Angelia Corno propone uno stile contemporaneo ma dal sapore vintage. Il suo brand, nato a marzo 2016, si rivolge alle donne forti, indipendenti e lavoratrici.
  • Cancellato
    Nato nel 2015 dalla mente creativa di Diletta Cancellato, il brand combina le competenze della manifattura italiana nel settore della maglieria con le potenzialità delle nuove macchine industriali.
  • Leo Studio Design
    Leo Macina nasce a Bari nel 1985 e proprio dalla sua terra d’origine, la Puglia, trae ispirazione per il brand che fonda nel 2014. Il suo stile mescola suggestioni naturali, visione pop e sapienza sartoriale.
  • MRZ
    Figlia d’arte – la sua famiglia vanta una lunga tradizione nel settore tessile e nella produzione di maglieria – Simona Marziali fonda il suo brand nel 2012 e propone uno stile in cui eleganza e comodità sportiva vanno di pari passo.
  • MTF Maria Turri
    Amore per il cucito, lavorazione a mano, linee geometriche, volumi forti e palette quasi monocromatiche sono il tratto distintivo del brand fondato nel 2011 da Maria Turri Ferro, giovane designer classe 1985.

Accessori

  • Delirious Eyewear
    Grande appassionato di occhiali da sole, Marco Lanero decide di creare un proprio brand di eyewear nel 2012. Le linee guida della sua produzione sono materiali, artigianato e design.
  • Maissa
    Dopo avere collaborato con numerosi marchi di lusso, nel 2016 Giulia Ber Tacchini fonda il suo brand di accessori. Il progetto unisce tecnologia 3D printing e artigianalità italiana di alta gamma.
  • Manfredi Manara
    Classe 1990, Manfredi Conti Manara propone scarpe da donna caratterizzate da forme classiche e con una forte vocazione romantica. Il suo brand nasce nel 2016 e si avvale della collaborazione con fornitori di altissima qualità.
  • Woobag
    Il brand nasce nel 2015 per l’intuizione creativa di Sara Da Dalt e Sheila Pierobon. Architette innamorate di moda e design, le due giovani producono borse in una rivoluzionaria simil pelle in legno.

Photo cover credits: G. Palma e Luca Sorrentino

Photo text credits: A. D’Addessi, G. Palma, Luca Sorrentino

Sull'Autore

Patrizia Saolini

Executive editor e corrispondente estera di JunGlam.com. Scrive dal 2010 su riviste di moda, beauty e lifestyle. Giornalista, Chief Happiness Officer e Life Coach con un Master di primo livello in Life Coaching riconosciuto dal Miur. É autrice di quattro libri sul retail coaching e l'ideatrice del marchio Retail Coach®. Per Junglam segue le maggiori fashion week internazionali e gli eventi lifestyle in Italia e all'estero, oltre che dedicarsi alla rubrica di Life Coach.

Lascia un commento