fbpx
Wellness

Come superare la prova costume dopo 3 mesi di quarantena

Scritto da Silvia Artana

La prova costume è un appuntamento sempre molto temuto e dopo il lockdown per il Covid-19 ancora di più. Perché tra binge watching e sfide ai fornelli che manco MasterChef, la quarantena ha lasciato il segno. Ecco qualche consiglio per affrontarla senza patemi.

Dopo avere passato la primavera a impastare e a guardare film e serie TV sul divano, l’estate presenta il conto. Il lockdown ha lasciato il segno e tra qualche chilo in più e un tono muscolare latitante, il mare ti sembra più una minaccia che una promessa.

Per dire la verità, anche gli altri anni è stata più o meno la stessa cosa. Tra buoni propositi disattesi e molti aperitivi organizzati, la tua forma a ridosso delle vacanze non è mai quella che volevi. A maggior ragione se ti ritrovi tra quelle donne perennemente in lotta con il proprio corpo (spesso senza una reale ragione).

Ma la spiaggia chiama e la piscina pure. E allora, cosa puoi fare? Qui trovi alcuni consigli all’insegna della leggerezza per superare la prova costume dopo 3 mesi di quarantena.

Superare la prova costume: bando all’ansia

Andare in ansia all’idea di partire per il mare è davvero un controsenso. A dire poco. Le vacanze devono essere un momento di spensieratezza e relax per ricaricare le pile, a maggior ragione dopo lo stress del lockdown. Ma i chili in più? La cellulite sul lato B? Le gambe molli?

Fermati, fai un respiro profondo e ripeti: “La prova costume non è la fine del mondo”. Per prima cosa, nessuno è perfetto. Modelle e attrici hanno un fisico statuario perché è uno strumento di lavoro e si allenano duramente (a volte a costo di sacrifici esagerati) proprio per quello. E poi possono contare su un esercito di artisti dell’immagine. Detto questo, quanto sei oggettiva nel giudicarti?

Per parafrasare un film molto “istruttivo”, la verità è che non ti piaci abbastanza. Imparare ad accettarti è il primo passo per arrivare a conoscere i tuoi punti di forza e i tuoi punti deboli e capire su cosa e come devi lavorare per migliorare ancora la tua forma fisica e il tuo aspetto.

Non stare a recriminare se a causa del lockdown non ti sei iscritta in palestra o non sei andata correre come ti eri ripromessa e hai mangiato più junk food del dovuto. Ormai è andata. Goditi la spiaggia o la piscina e inizia a preparare un piano per settembre. Ma per davvero.

La dieta per superare la prova costume

Se il tuo problema per la prova costume è qualche chilo in più, è facile che il tuo primo pensiero sia di metterti a dieta. A parte il fatto che non esistono soluzioni miracolose, fai attenzione alle formule fai da te ed estreme.

Provare strane combinazioni, smettere di mangiare pane, pasta, carne rossa o qualunque altra cosa o (peggio ancora) digiunare perché l’hai letto su internet, te l’ha detto un’amica, lo fa la celebrity di turno quasi sempre non serve a niente e spesso è pericoloso. Se ti vedi fuori forma e pensi che possa essere utile rivedere il tuo regime alimentare, rivolgiti a un dietologo.

Nell’ambito del buonsenso, non esagerare con il junk food, gli alimenti grassi e ipercalorici, l’alcool e le bibite zuccherate non è mai una cattiva idea.

L’allenamento per la prova costume

L’attività fisica serve non solo a perdere peso e avere una muscolatura tonica, ma anche per stare bene con se stessi. Come la dieta, pure l’allenamento è una cosa seria e metterti all’improvviso a correre chilometri e chilometri o a fare decine di serie di squat e crunch per indossare il bikini rischia di farti più male che bene.

La soluzione? Sempre la stessa di buonsenso. La prima cosa che devi fare è sottoporti a una visita per l’idoneità sportiva e poi valutare un piano di esercizi ad hoc con un personal trainer. Se non ami la palestra, puoi iscriverti in piscina oppure riprendere vecchie passioni di gioventù e cercare una squadra di pallavolo o basket amatoriale. Il pilates e lo yoga sono due veri e propri toccasana per il benessere psicofisico, mentre la corsa ha più di una controindicazione. Anche se è probabilmente l’attività più diffusa e praticata.

Insomma, le opzioni non mancano. Di certo, per arrivare puntuale alla prova costume, devi partire per tempo e fare esercizio con costanza.

Il segreto per superare la prova costume? Stare bene con se stesse!

Gambe toniche per la prova costume

Le gambe sono un punto dolente per moltissime donne. Se lavori molte ore seduta, probabilmente ti trovi a combattere con problemi come gonfiore, ritenzione e cellulite e mancanza di tono muscolare. E lo smart working non ha certo migliorato la situazione.

In questo caso, oltre a fare attività fisica, può aiutarti camminare molto e cercare di ridurre il tempo che passi seduta o spezzarlo con delle pause in cui ti alzi e ti sgranchisci le gambe.

I bikini per superare la prova costume (anche in gravidanza)

Il bikini è un prezioso alleato per superare la prova costume, soprattutto nell’estate 2020 post lockdown. Se la quarantena ti ha impedito di allenarti e ti ha fatto cedere alla pigrizia, il modello del due pezzi può aiutarti a mascherare difetti veri e presunti e a valorizzare i punti di punti forza. Ma in che modo?

In linea di massima, tieni presente che i reggiseni a balconcino e a triangolo sono indicati per chi ha molto seno. Invece, quelli a fascia e (ovviamente) quelli imbottiti aiutano chi ne ha poco. Lo slip con i laccetti va bene a tutte, proprio perché può essere regolato sui fianchi, mentre la culotte a vita alta è una buona idea se vuoi slanciare le gambe e appiattire il ventre. Invece, la brasiliana è indicata se hai un lato B tonico. Inoltre, ruches, fantasie grandi e colorate e inserti servono a ingrandire otticamente il seno, mentre design pulito e tinta unita hanno l’effetto di snellire e ridurre.

I bikini sono una scelta vincente anche per le donne in gravidanza. In dolce attesa valgono indicativamente le stesse “regole”, con la scelta di slip a vita alta o bassa a seconda di come ti senti più comoda.

Per maggiori informazioni (non solo in merito ai bikini), dai un’occhiata alla guida alla scelta del costume da bagno di Junglam.com.

Gli aforismi per superare la prova costume con il sorriso

La prova costume è un appuntamento che le donne vivono con sentimenti contrastanti, ma troppo spesso con eccessiva preoccupazione. Se ti riconosci nella descrizione, qui trovi alcuni aforismi e battute per affrontarla con il sorriso (o almeno provarci):

  • Ditemi che la prova costume è a crocette, che sennò qui la vedo male. Ri_Ghetto, Twitter
  • E se fosse la prova costume a dover superare noi? Lux_n, Twitter
  • Perché fare mesi di rinunce e sacrifici per superare la prova costume se tanto poi a Natale dobbiamo ingrassare di nuovo? Vladinho77, Twitter
  • Ho fatto la prova costume: si asciuga. rattodisabina, Twitter
  • Come tutti gli anni punto ad una forma fisica perfetta. Quest’anno è la sfera. Lux_n, Twitter
  • Muore più gente trattenendo la pancia al mare che facendo il bagno dopo mangiato. M4gny, Twitter
  • Ho fatto anch’io la prova costume, e alla fine lui era più provato di me. iparchia, Twitter
  • Tutti si preoccupano della prova costume di agosto, nessuno che si preoccupa della prova cervello per gli altri 11 mesi. Mafalda, Quino
  • Ho fatto la prova costume. Le ciabatte mi stanno da dio. FabioScardino, Twitter
  • Ma se nessuno di noi ha superato la prova costume allora non è colpa nostra, era stronza la commissione. Zziagenio78, Twitter

Photo cover credits: Adobe Stock

Photo text credits: Petar Dopchev on Unsplash

Sull'Autore

Silvia Artana

Dopo la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie, ha conseguito un Master in Divulgazione Scientifica e ha mosso i primi passi nell'editoria occupandosi di scienza e tecnologia. Oggi scrive di moda, bellezza, benessere, lifestyle, cinema e TV per diversi magazine e testate digitali e svolge attività di copywriting, storytelling e ghostwriting online e offline.

Lascia un commento