Beauty

Quali maschere di bellezza usare per pelli grasse

Maschere di bellezza per pelli grasse
Scritto da Silvia Artana

La pelle grassa e impura a tendenza acneica è un problema molto diffuso tra le donne. Ecco una selezione di ricette per realizzare maschere di bellezza fai da te naturali ed efficaci e la celebre black mask per combattere i punti neri!

La pelle grassa è un problema che riguarda da vicino molte donne e non solo le giovanissime. Le conseguenze dell’eccesso di sebo sono diverse. Le più frequenti sono il viso lucido e la presenza di punti neri e brufoli, ma nei casi più gravi possono comparire acne, dermatiti e un irruvidimento dell’epidermide noto come “pelle asfittica”.

Scoprite qui le maschere di bellezza per pelli grasse fai da te da usare per tenere sotto controllo il problema e combattere le impurità

Pelle grassa: cause e rimedi

Qual è o quali sono le cause della pelle grassa? A regalare al viso una indesiderata patina lucida e una poco gradita fioritura di punti neri e brufoli è l’eccesso di sebo (seborrea). In condizioni normali, questa sostanza forma una sottile pellicola e protegge l’epidermide dagli agenti esterni e la mantiene idratata. Ma quando è troppa, fa apparire la pelle unta e occlude i pori e i bulbi piliferi, causando la comparsa di impurità e imperfezioni. Nei casi più gravi, l’infiammazione degenera in acne, dermatiti e in un irruvidimento a buccia d’arancia chiamato “pelle asfittica”. Di solito, l’anormale produzione di sebo è provocata da alterazioni ormonali, ma possono contribuire anche fattori genetici.

Per combattere i sintomi della seborrea, è importante mantenere la pelle pulita. Per farlo, è consigliabile utilizzare detergenti delicati (i prodotti aggressivi rischiano di aggravare il problema) e procedere una volta alla settimana a una detersione profonda con una maschera di bellezza.

Naturalmente, se la produzione di sebo è particolarmente elevata e/o di fronte ai primi segni di acne o di altre patologie infiammatorie, è bene rivolgersi a un medico.

Maschera di bellezza fai da te per pelli grasse all’argilla

Maschera di bellezza fai da te te per pelli grasse all'argilla

L’argilla è un prezioso alleato di bellezza nel caso di pelle grassa e impura.

L’argilla è un preziosissimo alleato per combattere il problema della pelle grassa. Utilizzata fin dalla antichità, presenta proprietà antifiammatorie, antisettiche, detossinanti e cicatrizzanti ed esiste in diverse varianti. Quelle adatte per l’impiego sul viso sono due. L’argilla verde ha una spiccata azione purificante ed è particolarmente indicata nel trattamento dell’acne e delle infiammazioni più gravi. L’argilla bianca o caolino ha caratteristiche analoghe, ma è meno aggressiva e viene consigliata nel caso di pelli sensibili e delicate.

Una maschera di bellezza fai da te te per pelli grasse efficace può essere preparata unendo due cucchiai di argilla (dell’uno o dell’altro tipo, in base alle esigenze) e mezzo bicchiere di aceto di mele. Il composto va mescolato fino a che non acquista la consistenza di una mousse e poi va applicato sul viso (fatta eccezione per labbra e contorno occhi) e lasciato in posa per 20 minuti. Se la pelle è delicata o molto delicata, il tempo va ridotto a 15 o 10 minuti. Per rimuovere la maschera si può utilizzare dell’acqua tiepida.

Un consiglio diffuso è di preparare il composto in un contenitore di ceramica o vetro e di mescolarlo con una spatola o un cucchiaio di legno, evitando il contatto con qualsiasi tipo di metallo.

Maschera di bellezza fai da te anti brufoli allo yogurt

Maschera di bellezza fai da te anti brufoli allo yogurt

Lo yogurt è un ingrediente ideale non solo per combattere i segni del tempo, ma anche i brufoli.

Può sembrare strano che una sostanza grassa come lo yogurt sia indicata per combattere le impurità (oltre che le rughe e i segni del tempo), ma è proprio così. E la ragione sta nel suo pH acido e nelle proprietà antibatteriche e lenitive.

Per preparare una maschera di bellezza fai da te anti brufoli sono necessari 3 cucchiai di yogurt naturale intero, 1 cucchiaio di olio di jojoba (dall’azione lenitiva e idratante), 5 gocce di limone e un cucchiaino di zenzero grattuggiato. Gli ingredienti vanno mescolati tutti insieme e il composto così ottenuto va applicato sul viso evitando le labbra e il contorno occhi. Dopo un tempo di posa di 20 minuti, la maschera va rimossa con abbondante acqua tiepida.

Black mask o maschera nera per i punti neri

Una delle tendenze beauty più gettonate degli ultimi tempi è la black mask o maschera nera. Importato dall’Asia, questo tipo di trattamento agisce sui punti neri con un effetto peel-off (ovvero “cattura” e rimuove i comedoni come gli appositi cerottini) e sempre più donne decidono di provarlo almeno una volta. Ma funziona davvero? E la sua composizione è rispettosa della salute e dell’ambiente?

Per quanto riguarda la prima domanda, la risposta non è univoca. In commercio esistono tantissimi prodotti ed è possibile leggere recensioni molto diverse della stessa maschera. Tuttavia, due sembrano mettere d’accordo tutte (o quasi) le donne che le hanno provate per la loro efficacia, ovvero Suction Black Mask di Luckyfine e Black Gasshoul Peel-Off Nose Pack di Missha.

Invece, in merito alla questione naturalità, solo poche maschere presentano un buon INCI. In molti casi, il colore nero non deriva da ingredienti naturali come il carbone, il sapone di Aleppo o il sapone nero africano, ma da un mix di sostanze di origine chimica. Però esistono delle eccezioni. Una è rappresentata da Black Cleansing Face Mask di Natura Siberica, a base di carbone, tannini e rosmarino e dall’azione detergente, affinante e illuminante.

Photo cover credits: Designed by Freepik – Pressphoto.ru @pressphoto

Photo text credits: @senivpetro on Freepik e Marco Verch on Flickr

Sull'Autore

Silvia Artana

Dopo la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie, ha conseguito un Master in Divulgazione Scientifica e ha mosso i primi passi nell'editoria occupandosi di scienza e tecnologia. Oggi scrive di moda, bellezza, benessere, lifestyle, cinema e TV per diversi magazine digitali e svolge attività di copywriting e storytelling online e offline.

Lascia un commento