EN IT

Vacanze estate 2017: come riuscire a portare tutto

La partenza per le vacanze è un momento di gioia, atteso con trepidazione di tutti i membri della famiglia, sognato per mesi di ordinaria vita casalinga e lavorativa, agognato come il traguardo in cui finalmente ci potremo godere il meritato riposo.

Certo, fra il “meritato riposo” e noi si frappone un momento che in genere piacevole non è e nemmeno particolarmente riposante: la preparazione dei bagagli e soprattutto, l’ormai tradizionale “tetris” per infilare valigie e borsoni, trolley e beauty-case nel bagagliaio della macchina. Ebbene si: alzi la mano chi non ha mai dovuto affrontare questa difficile prova, spesso conclusa con interminabili discussioni familiari al termine di tentativi andati a vuoto per contrattare “cosa lasciare a casa” o “cosa ci serve davvero”.

A parte gli scherzi, il carico delle valigie in caso di viaggio in automobile – una soluzione che per le “brevi/medie distanze” resta ancora la preferita dagli italiani – è un prezzo da pagare alla nostra voglia di vacanze e, benché sapendone lo scopo si faccia tutto sommato con un fondo di allegria, resta una attività pesante. In un recente studio legato al lancio della sua nuova S-Max, Ford ha presentato un divertente ed utile prontuario per chi deve riempire il bagagliaio, in modo di farlo con un po’ meno di fatica, un po’ più di metodo ed un minor tasso di discussioni con i compagni di viaggio…

FordS-MAX_2015_030

 

Preparare le valigie e caricare i trolley in macchina: ecco come fare

Come caricare il bagagliaio nel modo più efficace e semplice possibile? Secondo Ford la risposta a questa annosa domanda si snoda attraverso un elenco di banali ma efficaci regole che si possono seguire, in grado di guidare l’operazione verso un successo sicuro.

Primo aspetto fondamentale: un bagagliaio è tanto più facile da caricare quanto meglio si fanno le valigie. E’ quindi importantissimo riuscire ad essere razionali, a non farsi prendere dalla sindrome del “mi servirà?” e a portare solo quello che è realmente indispensabile ed utile. Infilare in valigia qualcosa solo perché “magari ci serve e tanto ci sta” porta solo problemi.

come portare tutto in vacanza

Per lo stesso motivo è necessario razionalizzare gli spazi nelle valigie: non lasciare aree vuote o poco riempite e piegare bene tutti i vestiti in modo che occupino poco spazio sono due semplici ma efficaci regole da seguire. Ancora: la “razionalizzazione” dei bagagli passa anche attraverso il coordinamento fra tutti i membri della famiglia: mettete quindi tutte le cose da infilare in valigia sul letto prima di iniziare a metterle dentro, in modo da valutarne il volume. Infine, evitate accuratamente borse ed oggetti “extra-valigia”: sono i nemici assoluti di un bagagliaio ordinato e prima origine dell’entropia incontrollabile che inevitabilmente aumenterà con il proseguire del viaggio rendendo il carico del bagagliaio per il ritorno ancora più complicato/faticoso/spossante di quello dell’andata.

Una volta fatte le valigie, siate metodici anche nella sistemazione dei vari “pezzi” nel vano della macchina: iniziate sempre dalle valigie più grandi e procedete poi, con una sorta di piramide, ad infilare quelle di dimensioni più piccole: forse questa operazione richiederà la ripetizione di qualche tentativo, ma una volta trovato il “tetris” giusto il risultato sarà garantito. Memorizzatelo: sarà utilissimo ricordarselo per il ritorno.

Infine il comfort del viaggio dipende anche dall’abitacolo: non sottovalutate la praticità di utilizzare gli spazi sotto i sedili o nei vani portaoggetti – sempre utili – ma non esagerate: se ci sono troppe borse/valigie/zaini sui sedili il viaggio sarà difficile e complicato per i passeggeri. Per distrarvi durante il viaggio, specie se lungo, è scientificamente dimostrato che la musica – magari cantando tutti insieme – produce allegria, distensione e migliora sensibilmente la resistenza ai disagi.

pexels-photo-203724


Anna Invernizzi

Con cinque figli non ci si annoia mai, ma dove lo trovo il tempo di scrivere? Semplice: basta avere passione, curiosità, inventiva e… un marito molto paziente!