News

Noemi “Vuoto a perdere”: testo, significato e video della canzone firmata da Vasco

Scritto da Redazione

E’ un omaggio alla cantante e a tutte le donne il singolo “Vuoto a perdere” scritto da Vasco Rossi e Gaetano Curreri per Noemi. Ecco il testo, il significato e il video della canzone!

Quando l’allieva incontra il maestro. O, per meglio dire, i maestri.

Vuoto a perdere di Noemi è un omaggio alla cantante e a tutte le donne da parte di Vasco Rossi e Gaetano Curreri. Il “Blasco” e il leader degli Stadio, infatti, dopo alcune collaborazioni con la concorrente di X Factor II hanno voluto regalarle una canzone.

Un gesto di grande stima, in particolare da parte del cantautore di Zocca, che fino a oggi ha scritto solo per tre colleghe: Laura Pausini, Patty Pravo e Irene Grandi.

Ma la voce potente di Noemi, il suo stile rock e l’ammirazione da lei sempre dichiarata per quelli che definisce i suoi “punti di riferimento” nella musica hanno fatto cambiare idea a Vasco e convinto Curreri.

E’ nato così un brano intenso ma allo stesso tempo “orecchiabile”, vincitore di un Disco di Platino e del Premio Lunezia Menzione Speciale e nominato all’OGAE Song Contest 2011 e ai Nastri d’argento 2011 come Miglior canzone originale.

Vuoto a perdere, infatti, fa parte della colonna sonora del film Femmine contro maschi di Fausto Brizzi, che ha curato la regia del videoclip del singolo, contenuto nell’album RossoNoemi.

Noemi “Vuoto a perdere”: testo

Sono un peso per me stessa
sono un vuoto a perdere
Sono diventata grande senza neanche accorgermene
e ora sono qui che guardo
che mi guardo crescere
la mia cellulite le mie nuove
consapevolezze (consapevolezze)

Quanto tempo che è passato
senza che me ne accorgessi
quanti giorni sono stati
sono stati quasi eterni
quanta vita che ho vissuto inconsapevolmente
quanta vita che ho buttato
che ho buttato via per niente
(che ho buttato via per niente)

Sai ti dirò come mai
giro ancora per strada
vado a fare la spesa
ma non mi fermo più
a cercare qualcosa
qualche cosa di più
che alla fine poi ti tocca di pagare

Sono un’altra da me stessa
sono un vuoto a perdere
sono diventata questa
senza neanche accorgermene
ora sono qui che guardo
che mi guardo crescere la mia cellulite le mie nuove consapevolezze (consapevolezze)

Sai ti dirò come mai
giro ancora per strada
vado a fare la spesa
ma non mi fermo più
mentre vado a cercare quello che non c’è più
perchè il tempo ha cambiato le persone
ma non mi fermo più
mentre vado a cercare quello che non c’è più
perchè il tempo ha cambiato le persone

Sono un’altra da me stessa
sono un vuoto a perdere
sono diventata questa
senza neanche accorgermene.

Noemi “Vuoto a perdere”: significato

Vuoto a perdere è una canzone che racconta il momento in cui una donna prende consapevolezza – con stupore e un po’ di malinconia – del tempo che passa e dei cambiamenti che riguardano non solo la sfera emotiva e personale, ma anche quella fisica.

Un riflessione che non indulge al compatimento, bensì costruisce ponti verso un futuro da vivere in modo pieno, senza rimpianti né rimorsi e in pace con il proprio corpo.

La maturità e l’amore per se stessa sono la forza e il mantra di questa donna nuova, che afferma con risolutezza: “Non mi fermo più“.

Noemi “Vuoto a perdere”: video

Diretto da Fausto Brizzi e girato sia in 2D che in 3D (per la prima volta in assoluto in Italia), il video di Vuoto a perdere segue le vicende di due donne, una matura e alle prese con i cambiamenti dell’età interpretata da Carla Signoris e l’altra giovane e spensierata con il volto (e il corpo) di Serena Autieri, entrambe nel cast di Femmine contro Maschi.

Voce narrante e fil rouge tra le varie scene del video è invece Noemi, che oltre al talento musicale, certificato da canzoni di enorme successo, conferma una volta di più di avere una grande familiarità con lo schermo.

Sull'Autore

Redazione

La Redazione di JunGlam è un team dinamico alla continua ricerca di idee e tendenze. Caratteri molteplici e concept cosmopolita con uno sguardo speciale alle eccellenze del Made in Italy.

Lascia un commento