Cosa fare a New York durante la Fashion Week Primavera/Estate 2018

New York, la “Grande Mela”. Una città dal fascino unico, un fascino che si moltiplica all’infinito durante le attesissime Fashion Week che la rendono – come se non bastasse il resto – uno dei poli di attrazione più importanti per la moda nel mondo.

Dal 6 al 13 settembre prossimi si accendono di nuovo i riflettori sulle passerelle newyorkesi per le collezioni Primavera/Estate 2018 di molte delle più importanti maison del mondo. Il calendario della manifestazione è come al solito ricchissimo e propone non soltanto gli appuntamenti clou con gli show, ma anche una grande quantità di eventi collaterali, iniziative e spettacoli in diverse parti della città, a partire dalla serata del 5 di settembre che vede il kick-off party della rassegna con il concerto di Charisse Mills.

Ma New York è una città viva, multicolore, multiculturale e poliedrica, tutta da scoprire. Le Fashion Week sono una occasione eccezionale per farlo…

Cosa fare a New York durante la Fashion Week: i festival musicali

Inutile dire che una città come NY non offre che l’imbarazzo della scelta in quanto a cose da vedere e da sentire, tanto più che settembre è ancora un periodo in cui il clima è ideale e si presta perfettamente per eventi all’aria aperta in uno dei moltissimi spazi verdi a disposizione di cittadini e visitatori. Ad esempio, oltre che della moda, settembre a NY è il mese della musica, con numerose rassegne e appuntamenti per ogni gusto.

Fino al 1° ottobre il Dizzy Club, celebre locale di ispirazione jazz, ospita il Coca Cola Generations in Jazz Festival con molti dei più grandi artisti del genere ad alternarsi sul palco del locale; mentre nel Queens dal 15 al 19 del mese ritorna il tradizionale appuntamento con The Meadows Music and Arst Festival, un contenitore musicale che vedrà numerosi concerti praticamente a “getto continuo”, compresi quelli degli Red Hot Chili Peppers, recentemente visti anche a Milano, o di Jay-Z.

NY: One World Observatory

NY: One World Observatory

Cosa fare a New York durante la Fashion Week: Ground Zero

NY è una città che “si respira”, ancora prima che un posto da visitare. E forse proprio per questo uno dei luoghi più carismatici che la caratterizzano è Ground Zero, un’area il cui significato simbolico è fortissimo e intatto, oggi diventato anzi il sancta sanctorum della città, il punto dove più profondamente se ne percepisce lo spirito profondo. Visitare Ground Zero in occasione di un viaggio a New York è tappa obbligata.

Oggi la zona in cui sorgevano le celebri Torri Gemelle è stata completamente ricostruita per affermare la voglia di rinascita di fronte a quella immane tragedia e, contemporaneamente, per fissare nel ricordo di tutti quello che è successo. A Ground Zero è possibile visitare l’emozionante museo-memoriale dell’11 settembre che ospita, oltre ai ricordi e ai nomi delle vittime, anche fotografie eccezionali e reperti legati a quella immane tragedia.

Al di sopra è poi stato costruito il nuovissimo One World Trade Center, il cui edificio principale è la Freedom Tower, la “Torre della Libertà”, che oggi è il più alto edificio dell’Intero Emisfero australe. Imperdibile un salto al World Trade Observatory, posto al centesimo piano dell’edificio e dal quale si gode una incredibile vista – davvero inedita per qualunque occhio umano prima – dello skyline della città.

Cosa fare a New York durante la Fashion Week: musei e teatri

Broadway

Broadway

Una città multietnica che da sempre costituisce il cuore culturale degli interi Stati Uniti, con il suo carico di storia, di simbolismo e di arte. NY è anche la città dei teatri, numerosissimi e tutti interessanti, spesso all’avanguardia mondiale nel proprio ambito. Broadway, ovvero il nome con cui è universalmente conosciuta la zona di Manhattan che concentra oltre quaranta teatri, è senza dubbio la più importante e celebre location al mondo per il teatro in lingua inglese.

Anche solo fare un salto fra quelle leggendarie strade è esperienza emozionante, che può diventare indimenticabile scegliendo fra le decine e decine di spettacoli di ogni tipo proposti, dall’opera alla musica classica, dal rock all’avanguardia.

Anche per quanto riguarda i musei, New York non ha eguali al mondo: il Metropolitan, il Solomon Guggenheim, Museum of Modern Art o l’American Museum of Natural History sono solo quattro dei più celebri e prestigiosi musei della Grande Mela.Se volete però scoprirne uno un po’ meno conosciuto dalle nostre parti, ecco il Whitney Museum of American Art.

Nel cuore di Manhattan, il Whitney è uno spazio che da ottant’anni si dedica soprattutto alla grande arte americana. Durante lo svolgimento delle Fashion Week potrete scoprire una originale mostra dal titolo An Incomplete History of Protest, una rilettura della storia sociale americana attraverso le opere di alcuni maestri custodite dalla collezione Whitney a partire dal 1940, ed una monografica dedicata alle originali installazioni artistiche di Alexander Calder, uno degli artisti prediletti del Whitney.

 

Photo Credit: UpsaterNY, Kyung Cho


Anna Invernizzi

Con cinque figli non ci si annoia mai, ma dove lo trovo il tempo di scrivere? Semplice: basta avere passione, curiosità, inventiva e… un marito molto paziente!