Aquardens, le novità del parco termale più grande d’Italia

Il 23 luglio scorso è stata una data importante per l’Aquardens di Pescantina, il parco termale più grande d’Italia e il secondo in Europa: la splendida struttura incastonata nelle colline veronesi fra la Valpolicella e il Lago di Garda ha festeggiato i cinque anni dalla sua inaugurazione.

Una storia di successo che ha visto una costante crescita sia come numero di ospiti – nel 2016 sono stati in tutto circa 400.000 – che come servizi offerti, moltiplicatisi con un ventaglio sempre più ampio di possibilità di rilassarsi e ritrovare se stessi in un ambiente a tutto benessere, esclusivo e riservato.

Si tratta di una struttura all’avanguardia, forte dei suoi 5200 metri quadrati di ampiezza e della rinomata acqua termale salso-bromo-iodica che scorre per tutto l’anno senza soluzione di continuità nelle undici vasche e lagune interne, oltre che nelle varie grotte e cascate. Queste salutari acque hanno garantito all’Aquardens il riconoscimento ufficiale del Ministero della Salute come centro termale curativo per le sue capacità benefiche.

Aquardens: nuovi servizi e rituali

Ma il percorso di crescita dell’Aquardens iniziato in questi primi cinque anni di vita non si ferma di certo, anzi si arricchisce di nuove offerte e servizi per rendere ancora più completo il proprio pacchetto.

Nello scorso anno, le saune, i bagni di vapore, le aree relax e massaggi e i punti di ristoro che già impreziosivano lo Spa Lounge si sono arricchiti di ulteriori strutture, fra cui spiccano le nuovissime saune da rito in cui essere guidati dai più esperti aufgussmaister alla scoperta degli antichi riti del “getto di vapore”; la zona Oasi Beach con sabbia bianca finissima e dotata di gazebo capienti; e il servizio miniclub per i più piccoli con area giochi al coperto sull’acqua.

Le novità non finiscono qui: per il nuovo anno sono previsti ulteriori investimenti per mettere a disposizione degli ospiti altre attrazioni, tra le quali la più affascinante è la Banja Russa, in corso di allestimento proprio in questo periodo. La Banja è una antichissima sauna rituale la cui origine si ritrova oltre un millennio fa nella città di Perejaslav, nell’odierna Ucraina.

Il rituale della Banja prevede diverse fasi e l’utilizzo di ramoscelli dalle foglie ricche di fitoncidi e di olii essenziali che completano il trattamento con atmosfere e profumi assolutamente unici. Il suo scopo, infatti, non è solo la depurazione del corpo, ma anche la ricerca dell’equilibrio dello spirito, che potrete raggiungere seguendo i gesti dei maestri di sauna.


Anna Invernizzi

Con cinque figli non ci si annoia mai, ma dove lo trovo il tempo di scrivere? Semplice: basta avere passione, curiosità, inventiva e… un marito molto paziente!