A casa con gli Obama: viaggio nella White House

Quando manca una manciata di settimane alle elezioni per il nuovo Presidente degli Stati Uniti, Architectural Digest, la Bibbia dell’architettura e del design di interni, ci permette di fare un giretto nella White House ridecorata dal guru americano del design Michael S. Smith su indicazioni della First Lady, Michelle Obama.

casa-bianca-obama-michael-s-smith-2

La famiglia Obama ha sempre portato avanti principi di vicinanza al popolo americano e novità e questi stessi principi sono alla base della renovation della Casa Bianca. Mrs. Obama ha voluto far portare nella residenza presidenziale molti oggetti dalla loro precedente abitazione a Chicago. In più, accanto a pezzi nuovi più costosi, la First Lady ha preteso che venissero utilizzati in modo intelligente gli arredi già presenti e ha inoltre fatto una buona parte della sua “spesa” da Anthropologie e Pottery Barn.

casa-bianca-obama-michael-s-smith-5

Le stanze private della Casa Bianca hanno subito una trasformazione che è insieme sottile e palese. Michael S. Smith ha portato moltissimi pezzi d’arte e di design del XX e XXI secolo, seguendo le indicazioni di Michelle Obama, e la Casa Bianca ha dato il benvenuto ad artisti contemporanei che non sarebbero mai entrati in queste stanze, non senza una personalità carismatica e affascinante come quella di Michelle, ovviamente. I cambiamenti apportati all’arredamento sono insieme audaci ma comunque perfettamente sobri e adeguati agli ambienti solenni di questa dimora che è un’icona stessa della vita americana.

casa-bianca-obama-michael-s-smith-6

Nel 2014, la First Lady aveva mostrato a tutti il risultato del suo lavoro con Smith aprendo al pubblico la Old Family Dining Room, in cui ora si trovano pezzi d’arte del XX secolo in un ambiente reso moderno dalle pareti grigie ed eternamente elegante dalle tende rosso scuro.

Photo Credit: Photographer Michael Mundy Architectural Digest Magazine


Valeria Poropat

Autrice, pittrice, illustratrice e qualche altra -”ice” all'occorrenza, adoro tutto ciò che comprende colore e lavoro sull'immagine. Apprezzo ciò che è autentico, mi piace l'handmade come filosofia ma so riconoscere il bello ovunque. Spirito misantropo e festaiolo, mi piace la compagnia ma anche la completa solitudine.