EN IT

Versace non parteciperà alle sfilate Couture Show

L’industria dell’haute couture si troverà con una sfilata in meno quest’anno, nelle future stagioni. Secondo una recentissima dichiarazione della casa di moda, Versace ha deciso di non prendere parte alla Couture Fashion Week.

Atelier Versace non ha sede in Francia, ma è membro corrispondente della Chambre Syndicale de la Haute Couture. La sua presenza ha sempre consentito al pubblico di ammirare in azione modelle come Gigi e Bella Hadid, Irina Shayk e Karlie Kloss, e lo show Versace è sempre stato quello d’apertura a tutto l’evento.

A quanto pare la casa di moda italiana ha deciso di puntare su una strategia di marketing più indirizzata ai clienti nel mondo, per cui intende organizzare presentazioni private accompagnate da eleganti cocktails e cene di lusso.

Sebbene questo progetto suoni davvero haute couture, si tratta probabilmente di una astuta strategia per tagliare gli esorbitanti numeri delle sfilate: invece di tagliare Versus Versace o combinare moda uomo e moda donna in un unico show, cosa che Donatella in persona ha detto non farebbe mai – si è così optato per rinunciare alla fiabesca denominazione haute couture.

Al momento stiamo facendo circa sei show all’anno. Volete la mia opinione personale? Sono troppi,” ha dichiarato Jonathan Akeroyd, Chief Executive Versace, al New York Times. “E se contiamo gli show couture arriviamo a otto. Un numero decisamente esorbitante. Approfittiamo di un momento di grandi cambiamenti dell’intero sistema fashion e apportiamo così i nostri. Proviamo qualcosa di nuovo, perché no.

Non è una notizia particolarmente sorprendente per sé: i red carpet e gli eventi couture sono sempre stati un pretesto per diffondere il proprio nome in tutto il mondo e vendere prodotti (relativamente) più economici alle masse. Al momento però è molto più semplice invitare una celebrity a indossare il proprio vestito che montare un intero show, e il risultato sembra sia lo stesso.

Versace aveva già saltato i couture show dal 2004 al 2012, e non è detto, in ogni caso, che non possa farci ritorno un giorno.


Agata Maini

Scrittrice per passione e per necessità, trascorro le mie giornate tra una lettura e un articolo. Coltivo molte passioni, tra cui quella dei videogiochi, le serie TV e i tarocchi. La moda è l'arte dei nostri tempi, e nonostante il mio stile personale sia perlopiù vintage, amo le sfilate d'alta moda e la loro stravaganza.