Sadz Design: quando lo stile orientale incontra la qualità del Made in Italy

Sara

Sara Abdullatif Dawood AlZadjali, omanita, 28 anni, una profonda ammirazione per il nostro bel Paese e un sogno nel cassetto: diventare una designer di borse e accessori famosa in tutto il mondo. Un sogno che a dire il vero ha già cominciato a vedere la luce l’anno scorso quando ha deciso di riprendere in mano lo schizzo di una borsa che aveva fatto nel 2010 e di trovare un produttore che potesse realizzarla. Noi di JunGlam abbiamo avuto il piacere di conoscerla e intervistarla di persona alla Woman & Child Expo 2014, a Muscat.

Background finanziario (ha studiato accounting in Oman e ha fatto un Master in Finanza e risk management alla London School of Business & Finance – LSBF), Sara attualmente è manager in una divisione di Risk management di una banca omanita, ma alla mia domanda sul suo futuro mi risponde – sorridendo – che si augura non sia in finanza.
La sua passione sfrenata per borse e scarpe nasce già da adolescente, quando, oltre a riempirsi gli armadi di questi accessori, si divertiva a fare schizzi di borse sui suoi quaderni di scuola, disegnando modelli che avrebbe voluto per sé ma che non riusciva a trovare sul mercato… Ma come ammette lei stessa gli schizzi non erano utilizzabili… Almeno fino al 2010, quando a Londra realizza il primo bozzetto di quella che poi diventerà uno dei due modelli della sua prima collezione, la Abeey collection.

Tornata da Londra, con l’aiuto di una zia che abita a Roma, comincia la sua ricerca tra i produttori toscani di accessori in pelle per trovare quello più adatto a produrre le sue creazioni (la sua idea era di produrre “nella patria degli accessori in pelle”). Il risultato? Una linea composta da 52 borse, proposte in due modelli (una più grande e una clutch) declinati in una varietà di colori e pellami che Sara si diverte a combinare creando mix originali ed elegantissimi. Per la parte superiore delle borse la designer ha scelto pellami esotici come il pitone e il serpente d’acqua, che accosta a pellami più comuni come la nappa, il vitello, l’agnello, il cavallino per il corpo centrale.

Sara ha presentato le sue creazioni a Muscat solo qualche mese fa e distribuisce già presso un punto vendita localizzato in un centro commerciale in città, ma è consapevole che per avere successo il mercato omanita non è abbastanza: mi dice che si rende conto che il suo Paese non è ancora pronto per questo tipo di lusso, anche se sempre di più le sue coetanee che come lei hanno viaggiato e studiato all’estero cominciano a cercare per i loro outfit pezzi originali e di qualità elevata.
È per questo che utilizza tantissimo i social network (Twitter e Instagram), grazie ai quali realizza la maggior parte delle vendite, con follower che la contattano in privato da tutti i Paesi del Golfo per acquistare questi gioielli di eleganza e stile.
Ma ovviamente non si accontenta di questo: ha già preso contatti con alcuni negozi di Dubai, sta lavorando per sviluppare il suo sito con una piattaforma di e-commerce e il suo prossimo obiettivo in termini di espansione retail sono Londra e ovviamente l’Italia.

Quando le chiedo cosa ispira le sue creazioni mi risponde semplicemente: “Disegno le borse che vorrei per me e che nel piccolo mercato dell’Oman o dei Paesi limitrofi non sono mai riuscita a trovare!”.
I suoi progetti non si limitano allo sviluppo retail: l’instancabile e ambiziosa Sara ha già lavorato e messo in produzione una seconda collezione che sarà pronta tra poco e che prevede una shopping bag da utilizzare con praticità tutti i giorni e dei portafogli da uomo e da donna.

Insomma, un bell’esempio di giovane imprenditrice dotata di un talento notevole. Troveremo quindi presto le borse Sadz Design anche nella nostra bella Milano? Noi di JunGlam crediamo proprio di sì… E non ci resta che augurarle un grande in bocca al lupo!


Giulia Maserati

Con una passione quasi ossessiva per la moda e lo stile, sono da sempre curiosa e affascinata da tutto quello che è degno di essere ammirato e contemplato perché unico, speciale, armonico e aggraziato. Adoro le scarpe, la danza, il correre, la bici e il viaggiare per il mondo… seguo qualsiasi forma di bello e non so fermarmi mai.