Geometrie metropolitane per Proenza Fall Winter 2017

Azione e movimento sono i due punti su cui si regge tutta la collezione Proenza Fall Winter 2017. Il brand ha deciso di prendersi una pausa da New York e di concentrarsi su Parigi, dopo quest’ultimo show, ma intanto sfrutta l’ambiente cittadino come sfondo ideale della sua collezione.

Volumi grintosi e tinte unite

Il duo di designer dietro il brand Proenza giocano con le forme e riscrivino un proprio vocabolario fatto di tagli audaci, tessuti trattati e metallizzati, sovrapposizioni grunge. A cercare una qualche ispirazione nel passato si percepisce una vaga nota Anni ’80 ma è proprio questo, una vaga nota. La collezione Fall 2017 è totalmente calata nel presente e nel futuro. Protagonista è la pelle, leggerissima e trattata come un tessuto per avvolgere il corpo e dare movimento pur nella sua innata rigidità. Osserviamo, per esempio, l’abito lungo in pelle rosa chiaro con cintura. Il lavoro di sartoria sul collo e sulle maniche si intravede, mentre la pelle raccoglie e respinge la luce con delicatezza. La collezione si costruisce, per la quasi totalità, con giochi di contrasto tra bianchi e neri, o rossi e neri, e nella tinta unita.

Tagli e sovrapposizioni tono su tono

Fall Winter 2017 by @tommyton #proenzaschouler #nyfw

A post shared by Proenza Schouler (@proenzaschouler) on


Ai piedi notiamo interessanti sandali a fascie che salgono fino alla caviglia e scarpe chiuse dalla punta marcata. Questa dicotomia governa tutti gli outfit. Gli abiti lunghi sono avvolgenti ma poi movimentati, in superficie, da intarsi e applicazioni che si mescolano alle trasparenze come inchiostro nell’acqua. Particolarmente interessante la giacca strutturata con bottoni che seguono la forma della spalla. Un modello che si ispira alle giacche dei principi del ‘600 ma che la tinta unita riporta nel presente. Da ultimo, notiamo il logo “PROENZA” sparso qua e là sui capi e sugli accessori (pochi ma interessanti): è stato tagliato e ridotto a una striscia sottile in cui le lettere sono appena percepibili e si fanno segno astratto.


Valeria Poropat

Autrice, pittrice, illustratrice e qualche altra -”ice” all'occorrenza, adoro tutto ciò che comprende colore e lavoro sull'immagine. Apprezzo ciò che è autentico, mi piace l'handmade come filosofia ma so riconoscere il bello ovunque. Spirito misantropo e festaiolo, mi piace la compagnia ma anche la completa solitudine.