Americans in Paris: la moda made in USA alla PFW 2017

Parigi è sempre Parigi e avere l’opportunità di esporre le proprie collezioni durante la fashion week dedicata al prêt-à- porter dal capoluogo francese è un traguardo ambito da molti designer di oltre oceano. Questo sogno è stato reso possibile dal CFDA, council of fashion designer of America, e da Vogue Fashion Fund, che con l’iniziativa Americans in Paris, giunta alla sua dodicesima edizione, hanno permesso a stilisti promettenti o già affermati di esporre le proprie creazioni durante la Paris Fashion Week, oltre a partecipare a un prestigiosa competizione. Infatti i giovani talenti coinvolti dal council of fashion designer of America hanno anche l’opportunità di concorrere per il premio Fashion Fund CFDA/ Vogue, che valorizza la creatività dei fashion designer americani.

I vincitori del premio Fashion Fund CFDA/ Vogue

Sono stati premiati dal CFDA a fine 2016 e hanno potuto esporre a Parigi grazie ad Americans in Paris, in quella che fu per un certo periodo la residenza di Coco Chanel, al 29 di Rue du Faubourg Saint-Honoré, i vincitori Laura Vassar Brock e Kristopher Brock di Brock Collection. Marito e moglie che si sono incontrati alla Parsons e hanno lanciato nel 2014 la loro linea di moda, dopo aver lavorato come celebrities stylist e come assistenti di diversi stilisti americani. Secondi classificati Stirling Barrett di Krewe e Adam Selman. Quest’ultimo ha iniziato la sua carriera come designer di costumi di scena, creando abiti che sono stati indossati sul palcoscenico da Beyonce e Rihanna, per poi fondare una linea con il suo nome che ha già presentato otto collezioni alla New York Fashion Week. Krewe invece è un marchio di eyewear fondato nel 2013 da Sterling Barrett a New Orleans: occhiali fatti a mano e dal design moderno che hanno avuto molto successo, tanto che oggi Krewe è uno dei produttori di eyewear che sta crescendo più rapidamente negli Stati Uniti.

Designer di talento ad Americans in Paris

Diversi sono i designer che hanno ricevuto un riconoscimento e che hanno partecipato ad Americans in Paris. Area di Beckett Fogg e Piotrek Panszczyk è un brand focalizzato sui tessuti, che mira a reinterpretare e ad approfondire il concetto di glamour. I due stilisti, provenienti rispettivamente dagli Stati Uniti e dalla Polonia, si sono incontrati durante un master alla Parsons e grazie alla comunione di gusti estetici hanno dato il via al loro nuovo marchio, dopo le esperienze da Calvin Klein e Chloè. Per quanto riguarda gli accessori agli occhiali di Krewe si aggiungono le scarpe di Chloe Gosselin, dal gusto cosmopolita ma fatte a mano a Firenze. Sandali a stiletto e pumps con tacco stringato: le linee sono classiche e moderne al tempo stesso, i dettagli curati e iper femminili. Ji Oh, una stilista di origine coreana, propone una linea essenziale giocata sugli opposti per creare una proposta moda dedicata alla donna di oggi. Morgan Lane è il marchio di lingerie, swimwear e loungewear creata da Morgan Curtis per coniugare la sua passione per le illustrazioni e l’intimo, con attenzione ai dettagli e all’eleganza moderna. NewbarK invece è un marchio di calzature e accessori dalle linee minimal fondato dalle sorelle Maryam e Marjan Malakpour che ha tra i suoi pezzi chiave il mocassino di pelle, ideale per trovare un’alternativa alle ballerine per chi desidera una calzatura comoda. Il brand di abbigliamento Rochambeau è dedicato all’uomo ed è stato fondato da due amici, Laurence Chandler e Joshua Cooper che hanno puntato soprattutto sulle collaborazioni artistiche e con personalità del mondo dello sport.


Patrizia Saolini

Esperta di moda e costume con esperienza ventennale in aziende del lusso internazionali. Per Junglam.com firma il blog The Camber by Patrizia Saolini e partecipa alle maggiori fashion week mondiali come corrispondente estera e style coach.