I pizzi senza tempo di Mimi Prober, Fall/Winter 2017

Luxury ready to wear handmade in New York, tra pizzi macramè e giubbotti chiodo reinterpretati. Mimi Prober Fall/Winter 2017 manda in passerella i suoi abiti sostenibili, realizzati con materiali di recupero di abiti dal diciottesimo al ventesimo secolo. Il passato veste il futuro, rendendolo denso di significato, come spiega bene la filosofia del brand: la storia dietro a un capo è essenziale per la composizione dello stesso. Così la donna contemporanea si veste delle avventure di chi l’ha preceduta, portando con sé forse il ricordo di un romantico valzer, di una storia d’amore appassionata o del coraggio della vita quotidiana che da sempre ha contraddistinto la figura femminile.

Macramè, bustini e sovrapposizioni

Mimi Prober per la sua collezione Fall/Winter 2017 recupera dal passato preziosi pizzi neri e immacolati macramè bianchi, per avvolgere la donna in abiti destrutturati, con orli asimmetrici che accompagnano la figura con movimenti dinamici. Le proposte della stilista sono senza tempo, slegate dal concetto di stagionalità, ma come tanti piccoli tasselli vengono dati in mano alla donna per comporre il suo personale stile, in un’immaginaria continuazione della collezione che si rinnova nel guardaroba. I tessuti antichi trovano una nuova collocazione negli abiti di Mimi Prober, che tra le sovrapposizioni di pizzi rivelano bustini stringati o decorati da perline. Il gioco delle sovrapposizioni è fondamentale nell’architettura di queste opere d’arte di stoffa, con abiti da sera o da cocktail costruiti con abbinamenti irripetibili.

Crop pants e giubbotti chiodi

Sulla macchina del tempo portata in passerella da Mimi Prober Fall/Winter 2017 prendono posto anche capi chiave della moda contemporanea, come il giubbotto chiodo, ma in tessuto morbido con applicazioni di pizzo, e i crop pants, portati con casacche di seta e crinolina che scendono morbide lungo i fianchi. Le casacche traforate sono portate sopra anche agli abiti lunghi da sera, eterei tra trasparenze e spalline sottili. Tra i capispalla spicca il poncho, proposto in nero e in color carne, con frange e delicate trine applicate. Completano gli outfit scarpe stringate ultraflat, con nastri di pizzo al posto delle stringhe, o stivali cuissard stringati per gli accenti più contemporanei. Beauty look con sguardo in primo piano sottolineato da sfumature nere, effeto glow per l’incarnato, valorizzato da labbra nei toni del nude.


Patrizia Saolini

Esperta di moda e costume con esperienza ventennale in aziende del lusso internazionali. Per Junglam.com firma il blog The Camber by Patrizia Saolini e partecipa alle maggiori fashion week mondiali come corrispondente estera e style coach.