L’american extravaganza di RICH by Richie Rich FW2017

Sin dal 1964 Yerse si distingue dalle altre realtà catalane per la sua capacità di lavorare il tricot e la sua ricerca dell’autenticità dietro ogni dettaglio nelle sue collezioni.

È proprio così che ha sfilato anche nel 2017, presso una location straordinaria come il Teatro National de Catalunya, in occasione della 19° edizione del 0/80, la Fiera della Moda di Barcellona.

L’evento è ormai famoso per la sua capacità di dare risalto alle piccole aziende della Catalogna e proiettare verso un futuro brillante le aziende di moda più promettenti. Quest’anno hanno sfilato, tra l’altro, Krizia Robustella, esordiente promessa piena di talento, e intramontabili brand come Sita Murt e Gusto.

Il 2 febbraio Yerse ha sfilato con la sua collezione autunno-inverno intitolata “Togetherness“. L’obiettivo degli abiti della collezione è quello di trasmettere l‘intensa storia di artigianalità che è il cuore pulsante del brand da più di 50 anni, ossia da quando fu fondata dalla famiglia Generò e Domenech. La ricerca del materiale più naturale, nel pieno rispetto delle tradizioni, si pone l’obiettivo di prendere le distanze dalla fredda “industrialità” della moda odierna.

L’esperienza Yerse è dunque una sensazione che si vive in prima persona, avvolti nel caldo abbraccio della lana merinos: passare le dita sulla texture vigorosa delle stampe folk, sul jacquard di spighe, fiori, e maxi-righe e anche sui filati rustici è un piacere che riporta a quel concetto di bellezza naturale, purissima e vitale.

I colori vividi hanno saputo contrastare i tipici colori scuri delle sfilate invernali: rosa, gialli, azzurri elettrici e verdi nelle tonalità boschive spezzano il freddo e fanno breccia nel guardaroba delle ragazze metropolitane.

La collezione Yerse è davvero un tripudio di contaminazioni che affonda le sue radici nella tradizione del brand: cappotti di lana cotta, colletti immensi e gonne con i volants si mescolano a borse e accessori in crochettes. Le silhouette sono morbide, gentili sul corpo delle modelle che sfilano avvolte dall’abbraccio languido di una linea fluida, in piena armonia con le tecniche tradizionali e un bisogno di tornare all’autenticità artigianale di un tempo.

Photo Credits: Yerse Press Office


Agata Maini

Scrittrice per passione e per necessità, trascorro le mie giornate tra una lettura e un articolo. Coltivo molte passioni, tra cui quella dei videogiochi, le serie TV e i tarocchi. La moda è l'arte dei nostri tempi, e nonostante il mio stile personale sia perlopiù vintage, amo le sfilate d'alta moda e la loro stravaganza.