Fattore di protezione solare: come sceglierlo

L’acronimo SPF, Solar Protection Factor, è una misura che indica attraverso un numero quanto una crema solare è in grado di proteggere la pelle dalle radiazioni solari e in particolare dai raggi UVB, che provocano scottature, danni alla pelle e possono contribuire al cancro della pelle. Il numero di SPF viene indicato su tutti i prodotti che contengono filtri solari e sebbene non esista una definizione standard per misurarne l’efficacia, una crema solare con un fattore di protezione solare più elevato, permette di esporsi al sole con maggior sicurezza rispetto a una con basso fattore di protezione solare.

Altra cosa importante da ricordare è che non essendo lineare all’aumentare del numero, un fattore di protezione 15 assorbe circa il 93 per cento di raggi dannosi, mentre un fattore di protezione 30 ne assorbe circa il 97 per cento. Naturalmente questi numeri sono influenzati da moltissime altre variabili quali ad esempio la fascia oraria in cui ci si espone al sole, la dose di crema solare che si utilizza, le parti del corpo che vengono esposte al sole e il numero di volte in cui viene applicata la protezione solare.

Se infatti ci si espone durante le fasce orarie in cui la concentrazione di UVA e UVB è molto alta la durata della protezione diminuisce, così come se si applica poca crema solare o se dopo il bagno o dopo aver sudato non si riapplica la protezione.

Come scegliere il fattore di protezione solare

Molti dermatologi consigliano di non scendere al di sotto di un SPF 30 e di preferire solari che riportano come indicazione  “protezione ad ampio spettro”, perché garantiscono filtri solari sia per gli UVB sia per gli UVA. Se invece di sceglie un fattore di protezione più basso, il consiglio è di applicare più volte nell’arco della giornata la crema solare.
La scelta prima di tutto dipende  dal proprio fototipo:

I – non meno di 50 sia per le prime esposizioni sia per quelle successive;
II – 50 per le prime esposizioni, poi 30;
III – 30 poi 20 o 15;
IV – 20-15 poi 10;
V – 10 poi 6;
VI – 6 con ripetute applicazioni

Per i bambini è bene usare una protezione alta a prescindere dal fototipo.


Alessandra Mannarino

Nata negli anni 80, cresciuta in due mondi: quello dei libri, fonte d’ispirazione e meta di viaggi senza tempo, e quello della musica, ragtime, soul, R&B e l’improvvisazione del jazz sono la carica di ogni nuovo giorno. Adora i viaggi perché aprono la mente e la cucina per dare sfogo alle idee. Una massima? “Fai ciò che senti essere giusto nel tuo cuore perché verrai criticato comunque: biasimato se lo fai e se non lo fai” (E. Roosevelt).